nuove immagini plutone

Prime immagini dalla missione New Horizons diretta verso Plutone

Leonardo Banchi

La navicella spaziale New Horizons, lanciata con l’obiettivo di raggiungere Plutone il 14 di Luglio, esplorandone i dettagli a fondo come mai è successo prima, inizia già a mandare i primi frutti del proprio lavoro: grazie alla “Multicolor Visible Imaging Camera” in sua dotazione, che cattura immagini in blu, rosso e nel vicino infrarosso per poi ricostruire una fotografia a colori, gli scienziati hanno infatti osservato una serie di punti lungo la linea dell’equatore del pianeta.

Tali punti, distanziati fra loro in modo piuttosto uniforme, appaiono avere un diametro di circa 480 chilometri. Gli scienziati non sono ancora in grado di formulare ipotesi per determinare la loro origine, ma questo potrebbe cambiare con un ulteriore avvicinamento della navicella, e con la ricezione di immagini ancora più dettagliate.

LEGGI ANCHE: Plutone e Cerere torneranno a essere pianeti?

L’altra sfida della missione sarà riuscire a demolire definitivamente l’ipotesi che l’atmosfera del pianeta sia congelata attorno alla sua superficie: utilizzando PEPSSI, il Pluto Energetic Particle Spectrometer Science Investigation, New Horizons sta infatti già adesso raccogliendo numerosi dati riguardo all’ambiente presente sul pianeta.

Attualmente la navicella si trova a meno di 15 milioni di chilometri da Plutone, al quale continuerà ad avvicinarsi fino a raggiungere la distanza di circa 12.500 chilometri, dalla quale sarà finalmente possibile osservare l’ex pianeta del sistema solare in tutti i suoi dettagli.

Via: Engadget