ipod touch

iPod scompare dal sito Apple: premessa di un addio?

Leonardo Banchi

Il velocissimo avanzare della tecnologia porta spesso alla “morte” più o meno silenziosa di prodotti e brand, superati da versioni più innovative o resi poco utili e desiderati a causa del loro utilizzo sempre più limitato. Quando a rischiare questa fine, però, è un nome altisonante come quello di iPod, la notizia non può fare a meno di stupire tutto il popolo degli appassionati.

Dopo l’ultimo WWDC, tenutosi a inizio mese a San Francisco, il sito Apple ha come di consueto subito un piccolo restyling, mirato a far spazio ai nuovi prodotti presentati nell’occasione. Questo ha comportato la scomparsa della voce “iPod” nella barra di navigazione principale, rimasta popolata dagli ormai più diffusi Mac, iPad e iPhone e dagli emergenti Apple Watch e Music.

LEGGI ANCHE: Apple Music ufficiale (anche su Android)

Allo stato attuale, la scomparsa è solamente una questione di visibilità: selezionando la voce relativa allo store, infatti, vedremo nuovamente comparire le opzioni di acquisto per iPod Touch, Nano e Shuffle, ma appare ormai evidente come il prodotto che ha segnato la rinascita dell’azienda della mela appaia sempre più marginale all’interno dei piani di vendita.

Le motivazioni di questo cambio di rotta sono molteplici: da un lato, l’ormai onnipresenza degli smartphone, che possono essere utilizzati come riproduttore musicale limitando sempre di più il numero di persone disposte a portare con sé un dispositivo dedicato allo scopo; dall’altro, sicuramente la volontà di Apple di incentivare l’utilizzo del nuovo Apple Music, un servizio di streaming musicale a pagamento. IPod, con la sola connettività WiFi del modello touch, si sposa infatti con difficoltà con questa nuova possibilità, a differenza degli altri dispositivi marchiati Apple.

È quindi questo il primo passo per decretare la morte di iPod? Probabilmente sì: passerà ancora del tempo prima di veder scomparire il famoso lettore musicale dai negozi, ma data anche l’assenza di aggiornamenti della serie, il cui dispositivo più recente risale al 2012, appare piuttosto evidente la direzione intrapresa dall’azienda della mela.

Voi, invece, come la pensate? Sareste dispiaciuti nel veder morire un brand così noto, o pensate che sia ormai il tempo di dirigersi verso nuovi lidi?

Via: Wired