KasperskyOS: dopo 14 anni di sviluppo ecco il sistema per l’IoT sicuro

Cosimo Alfredo Pina

L’ultima creazione che esce dai Kaspersky Lab è KasperskyOS. Niente antivirus questa volta, ma il focus è sempre sulla sicurezza, in particolare in ambiti delicati come networking, controlli industriali e il generico IoT.

Eugene Kaspersky, CEO e fondatore dell’azienda, spiega che ci sono voluti ben 14 anni per realizzare KasperskyOS. Il sistema, nome in codice 11-11, è basato su architettura Flux Advanced Security Kernel (FLASK) e, semplificando, è strutturato per eseguire esclusivamente certe istruzioni, legate al contesto di utilizzo.

LEGGI ANCHE: Android Things, arriva la Developer Preview 2

L’idea è che sia impossibile sfruttare le macchine su cui gira il sistema per operazioni per cui non sono state progettate. Il tutto ovviamente nell’ottica della sicurezza, cosa di cui in effetti c’è bisogno se pensiamo che i recenti attacchi DoS più importanti sono proprio partiti da dispositivi connessi, come semplici stampanti o cam di sorveglianza.

Proprio per la sua natura chiusa KasperskyOS viene proposto nella formula del project offering, ovvero saranno la software house ed il cliente a plasmare il sistema operativo secondo necessità. Il nuovo prodotto è chiaramente indirizzato ad aziende e produttori e non ci sono notizie ufficiali sui prezzi, legati comunque alla complessità dell’ambito di utilizzo.

Via: NeoWinFonte: Eugene Kaspersky
  • Andrea Guzzon

    Che io sappia il sorgente del S.o. sarà aperto (probabilmente alle aziende che ne faranno uso). La cosa che mi preoccupa è nelle implementazioni a posteriori dei produttori; ma è sicuramente un ottimo passo avanti, bravo Eugene 👏