786679857164059203

La piscina segreta nel deserto del Mojave

Lorenzo Fantoni

Col caldo niente di meglio di una bella piscina per rinfrescarsi le idee, ma non tutti possono permettersene una. Beh, sappiate che esiste una piscina gratuita e accessibile a tutti, a tutti quelli che riescono a trovarla, perché si trova all’interno delle 25.000 miglia quadrate che fanno parte del deserto del Mojave, nella California del sud.

Più che una piscina siamo di fronte a un’installazione artistica, Social Pool è in fatti un’opera di Alfredo Barsuglia, artista minimalista che ha creato la piscina come oggetto in contrasto col deserto che la circonda. Che poi, viste le dimensioni, che la fanno somigliare più a una vasca, il centro dell’opera più che l’installazione in sé e per sé è il viaggio, il concetto di “sforzo che le persone fanno per ottenere un bene di lusso”.

Per arrivare alla piscina potete ottenere le cordinate GPS, insieme alla chiave, visitando il  MAK Center for Art and Architecture a West Hollywood, ma non potete chiamare prima per sapere se c’è la chiave e neppure prenotarla. Per quanto riguarda la destinazione, pare che ci vogliano parecchie ore di macchina da Los Angeles e una bella camminata nel deserto.

thumbnail_2_2aa6cf7_v1

I fortunati che dovessero riuscirci troveranno una Social Pool pulita e rinfrescata da un sistema alimentato a pannelli solari. L’unica cosa che si chiede ai visitatori è portarsi dietro un gallone d’acqua per fare il rabbocco dopo l’inevitabile evaporazione che avviene quando la piscina viene scoperta (questo senza contare l’acqua che fareste meglio a portare con voi per sopravvivere).

In teoria chi riesce ad arrivare alla piscina non dovrebbe rivelarne la posizione, ma nessuno può garantire che sia effettivamente così, come non è possibile avere la certezza che qualcuno non riesca a scardinare la serratura e ad aprire la piscina senza dover visitare il museo, tutte probabilità che in un certo senso fanno comunque parte dell’idea artistica dell’opera.

Social Pool ha aperto la scorsa settimana, e non sappiamo se qualcuno ha già tentato l’impresa, ma ci piace pensare che in questo momento un americano se la sta godendo nel bel mezzo del nulla.