HTC Vive

La realtà virtuale di Valve non dà la nausea, garantisce Gabe Newell

Cosimo Alfredo Pina

La realtà virtuale è senz’altro uno dei campi dell’elettronica di consumo in maggior sviluppo. I dispositivi, fondamentalmente ispirati da Oculus Rift, che si comportano da visori facilmente indossabili in grado di immergere l’utente in mondo parallelo sono infatti sempre più diffusi.

Anche Valve, azienda famosa per la piattaforma di distribuzione di videogiochi Steam, ha infatti recentemente presentato Vive, il suo sistema per la realtà virtuale realizzato in collaborazione con HTC.

Secondo quanto promesso da Gabe Newell, il fondatore di Valve, questo dispositivo, che da uno sguardo esterno sembra molto simile a quanto offerto dalla concorrenza, non presenta il problema della nausea da realtà virtuale.

Infatti sempre secondo Newell gli attuali sistemi per la realtà virtuale sono i “migliori sistemi al mondo per indurre nausea”. Vive al contrario non sarebbe affetto da questo spiacevole effetto collaterale, grazie alla precisione del sensore di movimento Lighthouse.

LEGGI ANCHE: Sony avanza nella realtà virtuale, migliorando il proprio Project Morpheus

Siamo certi che Valve ed HTC hanno tenuto conto di questo aspetto poco piacevole, ma è difficile dire, senza provare con mano, se il Vive sia in grado di evitarlo con il semplice uso di sensori. Non resta quindi che attendere le prime opinioni di utenti reali, che potrebbero arrivare a breve, visto che il kit di sviluppo sarà rilasciato entro questa primavera.

Via: The Verge