stella zombie

La stella zombie

Lorenzo Fantoni

Tranquilli, non stiamo parlando di un corpo celeste in grado di scatenare un’apocalisse a base di non morti, e neppure un pianeta che vuole mangiarvi il cervello.

LEGGI ANCHE: Cannae Drive, l’impossibile motore a microonde della NASA che funziona anche quando non dovrebbe

Di solito una supernova con la propria esplosione cancella dall’universo la stella nana bianca che l’ha generata, ma a quanto pare alcune stelle sono in grado di sopravvivere alla loro apocalisse personale, diventando quelle che la NASA definisce “stelle zombie”.

Un team di astronomi ha analizzato i dati forniti dal telescopio spaziale Hubble e ha scoperto infatti che una stella è riuscita a sopravvivere una supernova di tipo Iax, che è solitamente più debole di quelle di tipo Ia, più grandi e luminose.

Lo zombie è stato chiamato SN 2012Z ed è a circa 110 milioni di anni luce dalla Terra.

A dire il vero l’esistenza del pianeta è ancora solo una ipotesi, gli astronomi contano di poter osservare meglio il sistema nel 2015, quando la luce della supernova sarà diminuita, così da poter confermare le prime rilevazioni.

E a quanto pare questa stella zombie non è sola, perché sono state già individuate altre 30 supernove Iax che potrebbero aver lasciato dietro di sé altri pianeti simili. Ai bei tempi Star Trek ci sarebbe andato a nozze con una storia così!