solar

La strada solare per risolvere la crisi energetica (video)

Leonardo Banchi

Nella lotta per liberarsi dai combustibili fossili, spesso a farla da padrone fra le alternative è l’energia solare: i pannelli stanno diventando sempre più diffusi anche in ambito privato, ma nonostante questo sono ancora ben lontani da stravolgere significativamente le nostre abitudini energetiche. Un cambiamento radicale è invece l’idea di Scott Brusaw, ingegnere elettronico che aspira a riempire di pannelli tutte le nostre strade.

LEGGI ANCHE: Un reattore solare per ottenere carburante dall’aria

Le strade di un paese coprono in effetti una enorme quantità di terreno, che se fosse possibile sfruttare in questo modo fornirebbe indubbiamente una enorme quantità di energia: il problema che però balza subito agli occhi è che un pannello, schiacciato da un’automobile o un camion, si romperebbe sicuramente.

Con questa idea Brusaw, aiutato dalla moglie e da un piccolo pool di esperti, ha iniziato a sviluppare un nuovo tipo di pannelli, concepiti per incastrarsi fra loro per potersi modellare seguendo la forma di una strada, e che fossero in grado di sopportare il peso dei mezzi di locomozione sopra di essi. Il progetto, anche grazie a un paio di finanziamenti da parte della Federal Highway Administration americana, è completato, ed è ora in cerca di fondi su Indiegogo per passare alla produzione.

I pannelli sono stati testati per resistere a impatti, carichi e trazioni e integrano anche un innovativo sistema di led per rendere le nostre strade più “smart”: con questo innovativo sistema di segnaletica, infatti, sarebbe possibile modificare comodamente la viabilità, segnalare incidenti o interruzioni e modulare le indicazioni stradali a seconda delle necessità.

La campagna, che si chiuderà il 31 Maggio, è ancora lontana dall’obiettivo di un milione di dollari: se siete interessati e credete nel progetto, ci sono molte possibilità per contribuire a qualunque prezzo, nella speranza di poter vedere presto dovunque strade più “verdi”.

 

VIA: C|Net