toyota mirai

L’acqua prodotta dai motori a pile a combustione è pura come il latte. Parola di Toyota.

Leonardo Banchi -

Anche se le pile a combustione rimangono ancora un campo da esplorare per quanto riguarda il loro utilizzo come propulsore per i veicoli. Tuttavia, ciò che secondo Toyota non è assolutamente in discussione è il fatto che l’acqua prodotta dai motori basati su di esse sia completamente sicura, caratteristica che la casa giapponese ha espresso con le parole “Più sicura del latte“.

LEGGI ANCHE: Mercedes investe circa 100 milioni nella ricerca di batterie per le auto elettriche

Questo tipo di motori, infatti, ha la peculiare caratteristica di produrre come residuo del loro utilizzo esclusivamente calore e vapore acqueo, cosa che all’apparenza li candida come scelta decisamente ecologica per il loro impatto sul pianeta. Ma di che tipo di acqua si tratta, ed è davvero pura come sembra?

Gli scienziati di Toyota hanno provato a dare una risposta a questa domanda, esaminando campioni di acqua prodotta dalla propulsione di una Toyota Mirai, e i risultati sembrerebbero stupefacenti. Essi hanno infatti dichiarato: “Abbiamo testato l’impatto sulla salute che avrebbe bere questa acqua in uno speciale laboratorio. Comparata al latte, essa risulta avere molte meno impurità organiche”.

Nonostante questo, Toyota non si sbilancia, e consiglia comunque di non utilizzare i residui dell’automobile come bevanda: la composizione finale del liquido, infatti, dipende da più fattori, poiché Mirai lo crea combinando l’idrogeno del proprio serbatoio con l’aria dell’ambiente circostante, che potrebbe quindi introdurre dannose impurità.

Nonostante questo, non possiamo che essere piacevolmente sorpresi da questo risultato, che presenta comunque un’automobile in grado di lasciare come impatto sul pianeta esclusivamente acqua. Ci auguriamo quindi che lo sviluppo di metodi di propulsione simili possa conoscere una importante spinta, rassegnandoci però all’idea di non poterci abbeverare direttamente dal tubo di scarico del nostro veicolo.

 

VIA: Carscoops