bancomat

Ladri di bancomat e carte di credito sempre più all’avanguardia (foto)

Cosimo Alfredo Pina

Anche ai criminali piace tenersi al passo con i tempi e gli ultimi ritrovati in materia di clonazione di carte di credito e bancomat sono così piccoli, da essere praticamente invisibili all’occhio dell’utente ignaro.

LEGGI ANCHE: Riapre il parco giochi acquatico più pericoloso d’America

Tra i duplicatori rinvenuti negli ultimi tempi alcuni sono così piccoli da poter essere nascosti all’interno della fessura del lettore di schede. La squadra di sicurezza Europea ha dichiarato che è sempre più difficile individuare questo tipo di tecnologie.

Questi lettori miniaturizzati, insieme ad una piccola telecamera, sono in grado di memorizzare i dati della scheda e il PIN dell’utente. Questi componenti sono sapientemente mascherati per apparire parte integrante dello sportello automatico, ingannando anche la più accorta delle persone.

Molti di questi dispositivi sono direttamente collegati allo smartphone del ladro che raccoglie i dati in tutta comodità, da un luogo per lui sicuro.

Dopo questo aggiornamento, se ci tenete alla sicurezza della vostra carta, la prossima volta che vi recate a fare un prelievo, controllate sia la fessura del lettore che la struttura esterna dello sportello, in cerca di piccoli fori o parti fuori posto. In caso di rinvenimento ricordate sempre di avvertire la filiale e l’autorità competente.

 

Via