Scimmie_Matematica

Le capacità matematiche dei primati

Cosimo Alfredo Pina -

L’essere umano potrebbe non essere il solo in grado di usare numeri e operazioni. Un team di neurobiologi dell’università di Harvard, guidato dalla Prof.ssa Margaret Livingstone, ha dimostrato con un recente studio le capacità aritmetiche delle scimmie, finora soltanto sospettate.

LEGGI ANCHE: Il batterio che trasforma le piante in zombie

Tre macachi, addestrati a riconoscere dei simboli che identificassero i numeri da 0 a 25, sono stati in grado di applicare il concetto di addizione. Durante i test gli animali sono stati posti di fronte ad un’interfaccia touch tramite la quale eseguire le somme. Dopo ogni operazione hanno ricevuto una quantità di “gocce premio” pari al risultato.

Il comportamento generalmente osservato ha dimostrato come i primati siano stati in grado di comprendere che usare valori più alti porta a esiti maggiori. Alla sostituzione dei simboli non è stato osservato alcun cambiamento, confermando un meccanismo mentale di “pensiero critico”.

Con una grado di errore ben inferiore al 50%, questo studio ha confermato la sua tesi facendo emergere una curiosa correlazione logaritmica, tra stimolo e risposta fisiologica. Tutte queste considerazioni sono certamente interessanti nel campo della biologia e possono aiutarci a comprendere come il cervello dei mammiferi elabori i numeri e la matematica ad essi connessa.

 

Via