stemCellTreatment_2249066b

Le cellule staminali clonate che potrebbero rivoluzione il mondo della medicina

Lorenzo Fantoni

Un team di scienziati ha usato la clonazione per ottenere cellule staminali dalla pelle di un paziente adulto, nella speranza di creare un metodo di cura personalizzato ed efficace per le condizioni cliniche più gravi che affliggono l’umanità.

LEGGI ANCHE: Scienziati generano la vagina artificiale

Per farlo i ricercatori hanno estratto DNA dalle cellule di due pazienti maschi di 35 e 75 anni. Il DNA è poi stato fuso con ovuli umani donati da quattro donne adulte, per ottenere le cellule clonate.

Lo studio è stato pubblicato sul giornale scientifico Cell, e mostra che questo metodo potrebbe permettere agli scienziati di creare cellule specifiche per ogni paziente, che potrebbero curare problemi come le malattie cardiache, il cancro, o perfino la cecità.

Questa è la seconda volta nella storia in cui cellule umane vengono clonate, il primo caso risale all’anno scorso, e fu completato usando cellule di bambini, che sono considerate più gestibili. Grazie a questo nuovo studio il team di scienziati, composto da ricercatori coreani e statunitensi, ha dimostrato che le cellule staminali di una persona possono svilupparsi nella maggior parte dei tessuti umani, il che è un’ottima cosa, a patto di mettere a tacere le inevitabili polemiche di natura etica.