droni giornalisti

Le potenzialità dei droni al servizio di reporter e giornalisti

Leonardo Banchi -

I droni, piccoli velivoli telecomandati in grado di muoversi autonomamente, sono fino ad adesso stati utilizzati principalmente da amatori e appassionati di tecnologia e modellismo, che li hanno sfruttati per realizzare originali riprese aeree. Proprio per la loro capacità di catturare immagini da una prospettiva privilegiata, però, a guardare con interesse a tale tecnologia è adesso l’ordine dei giornalisti.

LEGGI ANCHE: Ciò che dovete sapere riguardo ai droni “commerciali”

Il primo incontro in cui verranno affrontate queste tematiche, a livello italiano, sta per aprirsi a Roma in occasione della Roma Drone Conference, convention organizzata da Ifimedia e Mediarkè per dibattere tutte le possibili applicazioni pratiche dei droni. In apertura della manifestazione, l’8 Ottobre prossimo, verrà infatti affrontato il tema del “Drone Journalism“, con la partecipazione dell’Ordine dei giornalisti e dell’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile).

In tale occasione si parlerà quindi di possibilità, modalità d’uso e possibili sviluppi di questa pratica, ma non mancheranno anche presentazioni e dimostrazioni di modelli sviluppati proprio con l’obbiettivo giornalistico in mente.

Il nostro paese si dimostra molto attivo nel campo: Italdron, una società con sede a Ravenna, mostrerà infatti ben due modelli: Scrabble 4, un quadricottero dal peso di 1,5 Kg e un raggio di azione di circa un chilometro, e il fratello maggiore High One 4HSE, dall’importante peso di 5,5 Kg e circa 18 minuti di autonomia. Hobbyhobby, società di Roma, mostrerà invece la propria versione modificata del Phantom 2 prodotto dalla ditta cinese Dji, personalizzato per venire incontro alle esigenze di fotografi e reporter. Oltre a questo, però, verrà mostrato in anteprima anche un prodotto completamente “Made in Italy” e pensato proprio per i giornalisti, con un peso inferiore ai 2 Kg e fino a 39 minuti di autonomia.

Secondo Luciano Castro, presidente della Roma Drone Conference,  “Il drone journalism rappresenta davvero la prossima sfida tecnologica per il giornalismo, anche per quello italiano: nel prossimo futuro, piccoli droni portatili telecomandati, capaci di fornire riprese aeree ad alta risoluzione, entreranno in dotazione di troupe tv e anche di singoli inviati in zone calde”.

Fonte: Repubblica.it