Libri stampati che si leggono con lo smartphone: BOOM negli USA, presto anche in Italia

Cosimo Alfredo Pina Gli esperti stimano un mercato da 3,14 miliardi di dollari entro il 2020

I libri digitali, i cosiddetti eBook, hanno ormai convinto tanti lettori anche quelli più affezionati al cartaceo. Ma si sa, il fascino della costa e della copertina non è niente in confronto allo sterile schermo di carta digitale. Proprio su questo concetto sono nati negli USA i primi libri ibridi.

L’idea è più semplice che mai. Il libro è vero e proprio, quindi perfetto anche per arredare librerie e mensole, ma su ogni pagina c’è un codice QR. L’utente non deve far altro che scaricare l’app della casa editrice sul proprio smartphone o tablet, inquadrare la pagina e iniziare la lettura, e così via per ogni pagina fino alla fine del libro.

Una vera e propria comodità che però permette di non rinunciare al fascino del vecchio libro stampato. Negli USA questo tipo di contenuto ha avuto un BOOM. Lanciati in sordina a fine 2016 stanno riscuotendo un gran successo, grazie anche agli approfondimenti dei media. Si stima che a marzo 2017 siano stati venduti più di 500.000 copie di libri ibridi, già etichettati come eBooQR. Entro il 2020, indicano gli esperti, il giro di affari potrebbe superare i tre miliardi di dollari e non solo grazie a grandi classici e gialli.

La Divina Commedia non è mai stata così smart.

A quanto pare anche gli editori di “riviste piccanti” stanno iniziando a vedere un possibile riscatto in questo particolare tipo di contenuti. Pensate ad un’innovativa rivista per adulti utilizzabile solo da maggiorenni, tramite specifica app. Per ora la tecnologia resta appannaggio degli utenti oltreoceano, ma gli ottimi risultati sembrano aver convinto le case editrici europee, anche quelle in Italia che si dicono pronte a stampare i primi eBooQR entro la stagione natalizia, perfetto per un bel regalo. A voi convince questo modo ibrido di godersi le letture?

Fonte: Burlmberg