Licenziamenti in Motorola: Lenovo taglia posti negli USA

Cosimo Alfredo Pina

Dopo l’importante riorganizzazione dello scorso marzo, che ha spinto l’ex-dirigente Rick Osterloh a lasciare la posizione di leadership, Lenovo torna a tagliare la forza lavoro di Motorola, passata al colosso cinese ad ottobre 2014 per 2,91 miliardi di dollari. Dopo prime voci che parlavano di più di 700 di licenziamenti, è poi arrivata la conferma.

Il numero di posti tagliati sarebbero effettivamente “meno del 2%” del totale della forza lavoro Lenovo (55.000), cifre che si aggirano quindi sulle 1.100 persone. Sempre secondo le prime indiscrezioni si sospettava che Lenovo potesse chiudere la sede principale di Motorola di Chicago per spostare il personale rimanente in quella di Lenovo US, in North Carolina.

LEGGI ANCHE: Lenovo pubblica i risultati del suo anno fiscale, con un po’ di delusione per Motorola

Questa possibilità è stata poi smentita da Lenovo che ha puntualizzato il suo “impegno su Chicago”. In effetti non è un segreto che l’acquisizione di Motorola sia stata una manovra così redditizia per l’azienda cinese; lo scorso maggio, quando pubblicava i risultati del suo anno finanziario, dichiarava apertamente come “gli sforzi per l’acquisizione non abbiano rispettato le aspettative”.

Che fine farà quindi Motorola? Difficile da dire anche se per il momento l’indicazione è quella che lo storico nome diventerà un semplice marchio Lenovo, mentre i rimanenti dipendenti si occuperanno principalmente di ricerca e sviluppo.

Lenovo today announced a resource action impacting less than two percent of its approximately 55,000 employees globally. The majority of the positions being eliminated are part of the ongoing strategic integration between Lenovo and its Motorola smartphone business as the company further aligns its organization and streamlines its product portfolio to best compete in the global smartphone market.

The company is also making adjustments in other areas of the business as part of a continued effort to manage costs, drive efficiency and support ongoing improvement in overall financial performance. While these actions are never easy, they are a necessary part of our continued efforts to ensure long-term, profitable growth across all of our businesses.

Lenovo is absolutely committed to Chicago and we plan to maintain our Motorola Mobility headquarters there. Chicago has a well-deserved reputation for technical excellence and as the hub of our global R&D for our smartphone business we expect to take advantage of local talent to continue developing Moto products there.

Via: Droid Life