scio scanner molecolare

Lo scanner molecolare SCiO vuole approdare sugli smartphone (video)

Cosimo Alfredo Pina

Era il giugno 2014, quando vi segnalavamo la comparsa su Kickstarter di SCiO, uno scanner molecolare racchiuso nell’ingombro di una chiavetta, che poi ha raccolto ben 2,5 milioni di dollari in finanziamenti.

Il dispositivo promette in effetti una funzione davvero interessante, ovvero quella di creare un profilo digitale, grazie allo spettrometro integrato, della materia analizzata da poi condividere su un database pubblico.

Calorie di un cibo, quantità di zucchero in un frutto o purezza di un farmaco sono solo alcune delle cose che SCiO è in grado di misurare. Attualmente SCiO è in pre-ordine sul sito ufficiale a 249$, ma Consumer Physics, l’azienda israeliana dietro all’idea, si dice pronta a portare il tutto ad un livello ancora più miniaturizzato.

LEGGI ANCHE: Un sensore molecolare tascabile che analizza il cibo 

La futura generazione di SCiO, il cui esordio è stato pensato nel 2021, sarà addirittura integrabile su uno smartphone, rendendolo una tecnologia comune quanto una fotocamera o un lettore d’impronte digitali.

Per il momento Consumer Physics è in cerca di collaborazioni e non è da escludere che anche i big siano intrigati da questo interessante concetto, che promette di rendere una tecnologia finora relegata ai laboratori scientifici alla portata di tutti.

Fonte: Android Headlines