Apple - brevetto tastiera touchscreen - 0

Apple brevetta un touchscreen al posto della tastiera dei MacBook (foto)

Andrea Centorrino

Quando Apple rilasciò il MacBook Retina da 12″, ormai oltre un anno fa, la maggior parte degli acquirenti si lamentò della tastiera, i cui tasti “a farfalla” avrebbero un’escursione troppo breve, e non permetterebbero di scrivere per diverse ore in comodità. Se questo genere di cose è, alla fine, soggettivo, un giorno forse potremmo trovarci tutti d’accordo nel dire che l’escursione dei tasti è effettivamente troppo breve: il giorno in cui Apple sostituirà le tastiere fisiche con dei touchscreen.

Ad onor del vero, la società di Cupertino ha già realizzato questo sistema, e molti utenti si dicono soddisfatti: sono tanti i professionisti che si affidano esclusivamente ad iPad per svolgere il proprio lavoro (Tim Cook stesso sostiene di svolgere la quasi totalità del suo lavoro da iPad Pro). Il brevetto appena concesso ad Apple, però, dovrebbe portare l’esperienza su un nuovo livello, grazie ad un’altra tecnologia introdotta nel MacBook da 12″, ovvero il feedback aptico.

Grazie a questa funzione, la tastiera “virtuale” potrebbe dare all’utente l’impressione di essere stata “realmente” premuta. Un altro vantaggio di questa configurazione sarebbe che tutta la parte inferiore diventerebbe uno schermo touchscreen, in maniera simile al Nintendo (3)DS: niente più touchpad e poggiapolsi, ma solo un enorme schermo che potrebbe essere configurato come meglio crede l’utente.

LEGGI ANCHE: Magic Mouse con Force Touch? Per ora solo come brevetto

Swiftkey, tastierini numerici aggiuntivi, configurazioni dei tasti particolari (ad esempio, DVORAK), sono solo alcune delle possibilità offerte dal nuovo brevetto: ma davvero rinuncereste ai tasti fisici per tutto ciò?

Via: The Next WebFonte: USPTO
  • Mauricio

    Cosa che aveva già fatto Acer più di 5 anni fa (Iconia 6120), dualscreen che emulava la tastiera sullo schermo inferiore.
    Non credo che una tastiera fisica consumi corrente come una touch, e poi non so se qualcuno riuscirà mai a scrivere “alla cieca” con tasti inesistenti.