cuore battito cardiaco

Non solo selfie, MasterCard vuole farvi pagare anche con il “cuore”

Cosimo Alfredo Pina -

MasterCard ha portato al MWC 2016 il suo nuovo sistema di pagamento basato sui “selfie”, di cui vi avevamo già parlato qualche mese fa quando il colosso delle carte di credito lo stava testando.

Proprio durante la fiera di Barcellona, MasterCard ha spiegato di essere pronta a portare la sicurezza biometrica su livello ancora più alto con l’introduzione della lettura del battito cardiaco.

LEGGI ANCHE: Pagare mettendoci la faccia: ecco il futuro di MasterCard

In effetti ognuno di noi ha la sua “impronta” cardiaca e MasterCard è intenzionata ad usarla per autorizzare le transazioni. I pagamenti con il volto arriveranno a breve; MasterCard ha indicato un anno circa per rilasciare la funzionalità, che si appoggi all’app mobile, in una decina di paesi (non è chiaro quali).

Il sistema basato sul battito cardiaco rimane per ora un concept in quanto mancano le tecnologie per effettuare questo tipo di lettura da smartphone, anche se i nuovi chip per wearable potrebbero accelerare il tutto.