Meizu Gravity

Meizu cerca successo negli USA su Indiegogo… e non con un telefono (video)

Cosimo Alfredo Pina -

Meizu in Italia gode di una certa fama, anche sulle nostre pagine dedichiamo ampio spazio ai suoi prodotti, primi fra tutti gli smartphone. Non sembra essere così negli USA dove il marchio rimane eclissato da iPhone e gli Android più popolari. Meizu stessa vuole cambiare la cosa, ma non con uno smartphone.

L’azienda cinese punta infatti al Nuovo Mondo e non solo tornando alle sue origini musicali (in Cina è diventata famosa con i lettori MP3), ovvero con uno speaker wireless di alta qualità e dal design curato. Per farlo ha scelto l’inusuale, per una realtà del suo calibro, metodo del crowdfunding su Indiegogo.

Il dispositivo si chiama Gravity ed è uno speaker senza fili “fluttuante”, una barra che poggia su un prisma trasparente, che ovviamente permette di connettere lo smartphone via Wi-Fi, Bluetooth oppure cavo AUX. La colonna trasparente, oltre a caratterizzare il Gravity con un effetto ottico di sospensione nel vuoto, funge anche da display a specchio, davvero particolare (date un’occhiata al video a fondo articolo).

LEGGI ANCHE: Anche Meizu si avventura nel mondo della realtà virtuale

Il design è stato curato dal giapponese Kosho Tsuboi che ha puntato tutto sul concetto minimale, mentre il comparto audio è stato gestito dalla svedese Dirac. A spiegare il perché del lancio di questo dispositivo è stata Lola Wu, dirigente di Meizu.

Wu ha spiegato come in Cina gli speaker wireless di qualità non sia un mercato ancora maturo, al contrario degli USA; inoltre gli smartphone di Meizu, ha ammesso, “sono troppo simili agli iPhone”. La scelta di Indiegogo è stata invece fatta perché l’azienda vuole realizzare un prodotto “perfetto” e il crowdfunding è effettivamente un buon modo per avere un contatto diretto con gli utenti.

Se il Meizu Gravity ha suscitato anche il vostro interesse, sappiate che le spedizioni sono previste in tutto il mondo per il prossimo dicembre. Per pre-ordinarne uno si parte da 169$, un discreto risparmio se si considera che il prezzo pieno di vendita finale è stimato essere 250$.

Via: Engadget
  • Fra Lu

    E’ questo il video…?