dischi memoria 5d

Con la memorizzazione a 5D, i documenti più importanti della storia sopravviveranno in eterno (foto)

Leonardo Banchi

Un gruppo di scienziati dell’Università di Southampton potrebbe avere trovato il modo ideale per registrare tutto il sapere dell’umanità, facendolo sopravvivere perfino all’umanità stessa: grazie all’utilizzo della memorizzazione a 5D, le informazioni codificate su degli speciali supporti potrebbero arrivare infatti a resistere anche per miliardi di anni.

La tecnologia, già conosciuta dal 2013 con il soprannome di “Memoria di Superman” per la sua somiglianza con i cristalli della memoria utilizzati nei film del supereroe, fa uso infatti di piccoli dischi di quarzo, nei quali le informazioni vengono incise da un laser ultraveloce, in grado di produrre impulsi di luce estremamente brevi ed intensi.

LEGGI ANCHE: “Gli hard disk Seagate si rompono troppo spesso”: scatta la class action

Proprio questa caratteristica dona alla tecnologia l’appellativo di “5D”: la codifica dei dati è infatti realizzata a cinque dimensioni, costituite dalla posizione delle nanostrutture (espressa in tre dimensioni), dalla dimensione e dal loro orientamento.

I particolari supporti utilizzati, assieme al metodo di scrittura, consentono capacità di memorizzazione e resistenza senza precedenti: ogni disco, della capacità di 360 TeraBytes, potrebbe infatti mantenere stabilità fino alla temperatura di 1.000 gradi centigradi, e sopravvivere virtualmente per sempre a temperatura ambiente (si stimano 13,8 miliardi di anni di vita a una media di 190 gradi centigradi).

La tecnologia è già stata utilizzata per memorizzare alcuni fra i documenti più importanti della storia dell’umanità, come la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, la Magna Carta e la Bibbia, documenti di estrema importanza per la razza umana e che, adesso, sembrano destinati perfino a sopravvivergli.

dischi memoria 5d - 1

Fonte: Southampton.ac.uk