microsoft abbandona supporto internet explorer

Microsoft abbandona il supporto alle vecchie versioni di Internet Explorer

Leonardo Banchi

Prendendo in esame la cattiva reputazione posseduta da Internet Explorer, probabilmente dovuta soprattutto alla discutibile qualità di versioni più datate, Microsoft sta cercando di forzare gli utenti a passare all’ultima versione del browser. Adesso è stato annunciato un altro passo in questa direzione: a partire da Gennaio 2016, solo la versione più aggiornata sarà supportata dal colosso di Redmond, che non rilascerà più update per quelle precedenti.

LEGGI ANCHE: Ecco tutte le funzioni di Windows che potete disabilitare in sicurezza per aumentare le prestazioni

Gli utenti che vorranno continuare, quindi, a ricevere bugfix e patch di sicurezza dovranno passare alla versione 11 del browser, o ad eventuali versioni superiori rilasciate nel frattempo.

Questa mossa, che avvicina la filosofia di Explorer a quella di Chrome, per il quale gli aggiornamenti sono addirittura invisibili all’utente, è sicuramente un bene per gli utilizzatori finali, forzati a mantenere il proprio sistema in uno stato più sicuro, ma potrebbe rappresentare un problema per i gestori di reti di dimensioni superiori, che saranno obbligati a controllare gli aggiornamenti con una frequenza maggiore. Fino a che il sistema di update non sarà automatizzato completamente, il consiglio di Microsoft è di utilizzare la versione Enterprise del browser, per mantenere anche la compatibilità con eventuali applicativi web.

A gioire, infine, saranno sicuramente gli sviluppatori web, che non saranno più costretti a supportare un largo numero di differenti versioni del browser.

VIA: TheVerge