microsoft migliora time lapse

Microsoft ha scoperto come migliorare i time lapse in movimento (video)

Leonardo Banchi

Con la continua diffusione di telecamere come le GoPro, in grado di registrare le vostre uscite in bici, in moto o a piedi, sta diventando una pratica sempre più comune l’abitudine di creare dei video in time lapse per mostrare le proprie imprese sportive. Purtroppo, data la natura “movimentata” delle attività che queste telecamere devono riprendere, questi video risultano spesso sgradevoli e popolati di immagini che, una volta velocizzate, sembrano non avere a che fare molto l’una con l’altra.

I ricercatori di Microsoft hanno quindi cercato di ovviare a questo problema, mettendo a punto un algoritmo in grado di rendere fluide le riprese, così da permettere la creazione di video scorrevoli e decisamente più belli.

LEGGI ANCHE: Appeso con una sola mano a 150 metri di altezza (video)

Hyperlapse, il processo di miglioramento sviluppato da Microsoft, si compone di vari passaggi, che migliorano notevolmente anche il risultato ottenibile con una stabilizzazione video tradizionale: analizzando i vari scatti, prima di tutto viene calcolato un percorso tridimensionale compiuto dalla telecamera, cercando di intuire la geometria delle forme riprese. Tale percorso viene poi ottimizzato e semplificato, e le immagini vengono adattate al nuovo tracciato, creando così una sequenza priva di sbalzi, movimenti bruschi e salti.

A questo si aggiungono molte altre ottimizzazioni, come l’eliminazione automatica delle pause: dal vostro filmato verranno infatti rimossi, ad esempio, i fotogrammi catturati mentre attendete l’arrivo del verde fermi ad un semaforo. In più, le immagini vengono modificate per meglio mescolarsi fra loro, eliminando tutti gli artefatti grafici dovuti alle diverse esposizioni e illuminazioni incontrate lungo il percorso.

Nel video a seguire trovate una esauriente spiegazione sul funzionamento di Hyperlapse, e numerosi esempi che ne mettono in luce le enormi potenzialità che, dobbiamo ammettere, sono decisamente sorprendenti e creano risultati che finora era possibile ottenere solo con l’immaginazione.

 

 

VIA: Engadget