concept mini citysurfer

Mini Citysurfer: la soluzione al traffico cittadino secondo MINI (foto)

Leonardo Banchi -

La classica Mini Cooper, date le sue dimensioni contenute, è spesso vista come un buon mezzo per spostarsi nel traffico cittadino. Cosa fare, però, quando gli ingorghi diventano insuperabili e gli spazi di manovra troppo stretti anche per il guidatore più esperto? A suggerircelo è MINI stessa, con il suo concept Citysurfer.

LEGGI ANCHE: Il “buffo” car sharing secondo Toyota potrebbe eliminare il traffico cittadino

Citysurfer, presentato al salone di Los Angeles, è infatti un mezzo di trasporto a metà fra un monopattino e un motorino, che nonostante il suo ridottissimo ingombro promette di salvarvi dal traffico in modo decisamente originale.

Citysurfer è dotato di un motore elettrico, in grado di raggiungere la velocità di punta di 25 chilometri orari, permettendovi di percorrere con una sola ricarica fra i 15 e i 25 chilometri: abbastanza per garantire a chi volesse lasciare la macchina un po’ fuori dal centro di raggiungere il posto di lavoro (e tornare ad essa alla fine della giornata) senza affaticarsi.

Il suo peso, di soli 18 chili, si sposa bene con il poco spazio occupato: Citysurfer, infatti, potrà essere ripiegato e riposto senza problemi nel bagagliaio di una Mini a tre porte (e, di conseguenza, anche nel bagagliaio della maggior parte delle automobili presenti sul mercato), consentendovi così di portarlo sempre con voi per essere pronti ad affrontare situazioni di emergenza.

Molti sono i dettagli che lo accomunano alla casa dalla quale è stato concepito, come il faro presente davanti e l’onnipresente bandiera britannica che ne adorna la scocca. Citysurfer, allo stato attuale, rimane però solamente un concept, del quale non si conosce il destino. Cosa ne pensate? Vi piacerebbe vederlo arrivare nelle concessionarie, o credete che sia soltanto un buffo modo di scherzare sulla disperata situazione del traffico delle città?