article-2666050-1F0CB03800000578-267_634x399

Mini Z lo scanner a raggi X portatile

Lorenzo Fantoni

Ancora non abbiamo gli occhiali a raggi X, ma per adesso possiamo accontentarci della pistola a raggi X, che permetterà alla polizia di di scovare esplosivi, armi e droga in posti normalmente accessibili.   La American Science & Engineering ha infatti sviluppato il Mini Z, usando la stessa tecnologia Z Backscatter dei body scanner aeroportuali. Il raggio non è infatti abbastanza potente da superare i tessuti umani come i classici raggi X ma sufficiente per le superfici di auto o barche.

Ci sono voluti sette anni alla compagnia per miniaturizzare il tutto in un dispositivo portatile, il cui raggio tuttavia passa per poco più di un metro e dev’essere comunque aiutato da una perquisizione classica.

Il raggio è in grado di evidenziare materia organica e oggetti metallici. Può quindi rilevare droga, armi e denaro, ma anche pistole stampate in 3D. L’immagine viene visualizzata in tempo reale su un tablet, così da scannerizzare il soggetto con velocità e semplicità. Chi lo usa infatti non necessita di un particolare addestramento.

Per il CEO di American Science & Engineering il Mini Z si tratta di una rivoluzione per il controllo delle frontiere e per il lavoro della polizia, e renderà le nostre città ancora più sicure.