juno sonda giove nasa

La NASA si prepara alla scoperta di Giove grazie alla sonda Juno

Leonardo Banchi -

Dopo aver raggiunto e studiato a lungo Marte grazie ai rover Curiosity ed Opportunity, la NASA si prepara ad affrontare una nuova sfida: la sonda Juno, infatti, è ormai a meno di un anno dal raggiungimento di Giove, e gli scienziati a terra stanno quindi mettendo a punto gli ultimi studi per affrontare al meglio qualunque imprevisto.

L’arrivo della sonda in prossimità del pianeta, in perfetto stile americano, è previsto per il 4 Luglio 2016: Juno comincerà allora un’orbita di test, così da poter mettere a punto tutti gli strumenti prima di iniziare la vera e propria raccolta dei dati.

LEGGI ANCHE: La NASA vuole esplorare lo spazio con un calamaro gigante

Rispetto ai piani iniziali, gli ultimi studi hanno già apportato modifiche ad alcuni particolari della missione Ogni orbita, ad esempio, durerà 14 giorni invece degli 11 originariamente previsti: questo provocherà un allungamento del tempo totale della missione, che passerà da 15 mesi a 20, ma permetterà, grazie alla velocità ridotta, di ottenere una prima mappatura del pianeta dopo solo 8 orbite invece delle 15 previste inizialmente.

La nuova strategia permetterà inoltre di affrontare in modo più sereno eventuali imprevisti, come malfunzionamenti provocati dalle radiazioni e dal magnetismo di Giove.

Via: Engadget