Netatmo Termovalvola Smart - 1

Netatmo presenta una termovalvola smart controllabile in remoto da smartphone

Lorenzo Delli

Tra le tante novità presentate in occasione di questa edizione dell’IFA anche Netatmo ha da dire la sua. Grazie alla collaborazione con il designer Starck, l’azienda si appresta infatti a lanciare sul mercato una nuova linea di termovalvole smart, dedicate quindi ai riscaldamenti di casa.

Sostituire le attuali termovalvole con queste firmate Netatmo è piuttosto semplice, ed una volta installata, oltre ad avere un display che mostra la temperatura, si collega ad un ricevitore da collegare al router che rimbalza poi il segnale al vostro smartphone Android o iOS.

LEGGI ANCHE: WindowMate: un affascinante (e caro) lavavetri (video)

In questo modo potete non solo regolare in remoto la temperatura della singola stanza, ma anche gestirle tutte contemporaneamente e sfruttare programmazioni e quindi accensioni o spegnimenti programmati in modo da ottimizzare il risparmio di energia.

Ci sono due soluzioni: una con ricevitore e due termovalvole indicata per chi abita in condominio; l’altra con termostato, ricevitore e termovalvola per chi invece ha un termosingolo. Le nuove termovalvole smart di Netatmo dovrebbero arrivare in commercio questo inverno (perfetto quindi!) con prezzi che si aggirano intorno ai 69€ per le termovalvole singole e 169€ per quanto riguarda lo Starter Pack dotato di due termovalvole e del ricevitore. Vi forniremo ulteriori informazioni al momento del lancio del prodotto.

  • giaco

    Funzioneranno anche con i termosifoni dei condomini con riscaldamento centralizzato?

    • Damiano Della Grotta

      Fino ad ora nel mio condominio il riscaldamento si pagava sulla base della metratura, quindi con o senza le valvole termostatiche avrei pagato la stessa cifra. Un paio di mesi fa invece si è deciso di passare al pagamento dell’effettivo consumo di ogni singolo condomino e su ogni termosifone ora abbiamo sia un piccolo contatore che la valvola termostatica. Adesso che sappiamo di pagare quello che consumiamo, saremo più attenti a ridurre al minimo indispensabile il passaggio di acqua calda e le valvole hanno più senso (con buona pace della vecchia caldaia, che faticava non poco a tenerci tutti al caldo). Quest’inverno vedremo come va.

      • giaco

        Io vivo in un appartamento con riscaldamento centralizzato e anche noi paghiamo in base alla metratura della casa. Quest’anno con la nuova leggere europea tutti i condomini con riscaldamento centralizzato dovranno mettere le valvole a ogni termosifone così si pagherà quanto si consuma effettivamente. Ma da me ancora non sono stati effettuati questi lavori.

    • Sono pensati proprio per questa situazione 😉

      • giaco

        Ottimo! 😉

  • waposan

    Il problema è che il condominio dovrebbe installare le stesse termovalvole per tutti, almeno credo…

  • Davide Ariata

    Attenzione a non confondere. Nella UNI10200 si parla di ripartizione dei consumi e sulle ultime revisioni di programmazione. Ergo in un condominio si deve montare lo stesso sistema di ripartizione -il ripartitore o il termoautonomo- ma, nel primo caso, non c’è obbligatorietà di avere lo stesso sistema di regolazione. Di solito, per una questione di costi, vengono messe valvole termostatiche manuali ma nulla vieta che il singolo condomino monti sistemi automatici come questo per la regolazione dei propri corpi scaldanti. Altro discorso per il termoautonomo tipo Coster che invece ha già regolazione e quindi ricade anche nelle detrazioni del 65%.