NVIDIA DRIVE PX 2 CES 2016

NVIDIA DRIVE PX 2: la potenza di 150 MacBook Pro per le self driving del 2016

Cosimo Alfredo Pina

Poche ore fa si è tenuto l’evento stampa di NVIDIA, in apertura del CES 2016 che partirà domani. Proprio in occasione di questa conferenza il colosso delle GPU ha dichiarato che il suo lavoro per lo sviluppo delle auto a guida autonoma sta continuando.

Il nome della nuova tecnologia presentata è DRIVE PX 2, che succede alla prima generazione; si tratta di una piattaforma hardware capace di processare ben 24 trilioni di operazioni deep learning al secondo, che all’atto pratico si dovrebbero tradurre nell’equivalente di circa 150 MacBook Pro. Il tutto nelle dimensioni paragonabili a poco più di un mini PC.

La piattaforma DRIVE PX, che viene già impiegata da diverse aziende che vogliono portare le self-driving nel proprio parco auto, diventa quindi ancora più potente e in questo caso lo scopo non è quello di raggiungere il punteggio migliore sul benchmark più recente.

LEGGI ANCHE: Samsung e BMW lavoreranno insieme per creare auto a guida autonoma?

L’obiettivo di NVIDIA è quello di creare un sistema estremamente sicuro: “guida sicura, senza dover guidare affatto”. Ovviamente il tutto non passa solo da DRIVE PX 2, ma anche da altre tecnologie, tra cui NVIDIA DriveWorks e DIGITS, che comunque si basano tutte sulla sempre più utilizzate reti neurali.

Sicuramente è ancora presto per parlare di rivoluzione vera e propria del settore automotive, tuttavia siamo certi che il 2016 sarà un anno davvero importante per le auto a guida autonoma, che non mancherà di stupire anche grazie alla piattaforma di NVIDIA.

Fonte: NVIDIA