oculus nimble

Oculus VR acquisisce Nimble, per proiettare le persone nella realtà virtuale (video)

Leonardo Banchi -

Il concetto di realtà virtuale, oggigiorno, è prevalentemente legato ad Oculus Rift, il dispositivo da porre sui propri occhi per trovarsi catapultati in una realtà alternativa. Esso, però, così come i suoi principali avversari (Project Morpheus di Sony e Gear VR di Samsung), soffre di un importante limite: pone davanti al suo utilizzatore un universo virtuale, senza realmente traferire in esso l’utente stesso.

LEGGI ANCHE: La versione commerciale di Oculus Rift è ancora a mesi di distanza

L’esempio che nel modo più calzante descrive questo limite è l’atto che chiunque, trovandosi in una situazione inverosimile, compierebbe per assicurarsi dell’effettiva realtà dell’ambiente: controllare la propria fisicità, cercando di guardare le proprie mani.

Allo stato attuale, il risultato sarebbe quello di realizzare in modo piuttosto evidente la falsità della “realtà” che ci è stata prospettata, poiché non potremmo vedere niente di ciò che ci aspettiamo. Ecco probabilmente il motivo che ha spinto Oculus VR, la società di proprietà di Facebook creatrice del Rift, ad acquisire Nimble VR, compagnia anch’essa impegnata nell’ambito della realtà virtuale, creatrice del Nimble Sense.

Nimble Sense è una combinazione che comprende un software e una speciale fotocamera, in grado di registrare degli oggetti e convertirli in modelli 3D in tempo reale. In poche parole, una specie di Kinect avanzato, capace di trasferire su uno schermo ciò che viene catturato dall’occhio della videocamera.

Esso, in combinazione con Oculus Rift, potrebbe colmare del tutto il limite che separa dalla piena realizzazione di una realtà virtuale finalmente plausibile: grazie ad essi sarebbe infatti possibile realmente agire in modo da integrare i dati prodotti da Oculus con quelli catturati dall’ambiente fisico reale, proiettando l’utilizzatore in un mondo virtuale e tangibile allo stesso tempo.

Attendiamo quindi di vedere i primi risultati di questa acquisizione, curiosi di sapere se sarà possibile vedere un’integrazione della tecnologia di Nimble Sense già nella prima versione commerciale di Oculus Rift, della quale continuiamo ad aspettare una definitiva data di arrivo.

VIA: Engadget