Gli insaccati sono cancerogeni, parola di OMS

Giuseppe Tripodi

Bacon, prosciutto, salame e tutti gli altri insaccati da oggi non saranno più visti sotto la stessa luce: l‘Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), infatti, ha dichiarato che questo tipo di alimenti è cancerogeno.

Secondo lo studio dell’OMS, le carni lavorate potrebbero essere inserite nel gruppo 1 della classificazione sugli agenti cancerogeni stilata dalla IARC, ossia nello stesso gruppo dove troviamo anche tabacco e alcool.

LEGGI ANCHE: Alzheimer e cancro si nascondono nel codice epigenetico

Ovviamente questo non deve far scatenare il panico perché, come specificato, per una persona normale ed in salute il rischio di sviluppare un tumore a causa delle carni lavorate rimane basso, ma è pur vero che consumare 50 grammi di bacon (due fette) al giorno aumenta il rischio di cancro al colon del 18%.

Allo studio hanno partecipato 22 esperti proveniente da tutto il mondo, che hanno stabilito che durante i processi di lavorazione (affumicatura, salatura, essiccamento…) vengono rilasciate sostanze nocive che possono favorire lo sviluppo di tumori.

Via: IlPost