Panasonic Lumix GX80_1

Panasonic Lumix GX80: la mirrorless per il 4K si rinnova e costa meno

Cosimo Alfredo Pina

Panasonic Lumix GX80 (GX85 negli USA) arriva come una versione più economica della GX8 lanciata l’anno scorso da cui eredita (e migliora) molto. Andiamo a vedere cosa ha da offrire questa mirrorless pensata anche per i video in 4K.

Dentro al corpo compatto, dalle linee molto convenzionali, la GX80 ospita un sensore da 16 MP, un Live MOS formato Four Thirds (4:3), affiancato da processore d’immagine Venus Engine. Questa fornitura permette alla fotocamera di scattare foto fino a 25.600 ISO con raffiche fino a 8 fps, ma soprattutto di fare a meno del filtro AA (il moiré è corretto digitalmente) per ridurre al minimo l’impatto sulla nitidezza.

 LEGGI ANCHE: Panasonic Lumix GX8 e FZ300: fotocamere diverse, ma votate al 4K

Sul lato video la GX80 permette di girare video fino a 4K a 30 fps, inquadrabili sia dallo schermo LCD orientabile, da 3″ e 2764K di punti, sia dal mirino elettronico. A completare c’è flash a scomparsa, sistema di stabilizzazione Dual IS che promette il recupero di 4,5 stop e ovviamente la connettività Wi-Fi.

Un dispositivo sulla carta piuttosto interessante anche al fronte del prezzo (relativo all’offerta Panasonic). Si partirà, dal prossimo mese di giugno, da 699€ per il corpo macchina fino a 1.099€ per il kit che include lo zoom 14-140 mm.

Fonte: Engadget