ParrotPOT_HD_pivoine

Parrot presenta il vaso per chi non ha il pollice verde

Emanuele Cisotti

L’azienda francese Parrot, famosa sopratutto per i suoi droni e le sue cuffie, aveva già lanciato in passato un accessorio per monitorare lo stato delle proprie piante, dal nome Flower Power (e che noi avevamo recensito). Durante la fiera di Las Vegas ha però presentato un nuovo accessorio che si porta decisamente più avanti, avendo come sua prima funzione quella di liberarvi dall’impiccio dell’innaffiare la pianta.

Si chiama Parrot Pot ed è un vaso smart che permette di innaffiare in automatico, grazie a quattro piccole fontanelle, la vostra pianta, in modo del tutto automatico. Questo è possibile grazie all’applicazione Flower Power 2.0 che dialogherà tramite internet con il vostro vaso e da cui sarà possibile impostare il tipo di pianta utilizzare e il tipo di innaffiamento. Potrete infatti lasciar decidere tutto al vaso, innaffiare manualmente o attivare una modalità Plant Sitter in cui l’acqua verrà dosata per poter durare fino ad un mese, permettendovi di godervi le vostre vacanze senza pensieri. Per i veri esperti c’è poi una modalità dedicata in cui l’innaffiamento automatico può essere affinato manualmente andando a modificare tutti i vari parametri.

Parrot Pot misura l’umidità del suolo, il fertilizzante, la temperatura del suolo, la luce e la temperatura ambientale per decidere il ritmo di innaffiamento e per notificarvi tramite l’app del telefono se c’è bisogno nuovo fertilizzante o di più luce. Il vaso può essere utilizzato anche all’esterno (anche in condizioni estreme) e può contenere fino a 2,2 litri d’acqua. Il vaso misura tutti i vari fattori ogni 15 minuti e ogni 2 ore li sincronizza con il server Parrot per l’elaborazione. Il gadget può funzionare eventualmente anche senza configurazione via app, semplicemente adottando dei valori medi che possano andare bene genericamente per quasi ogni pianta.

Screenshot 2016-01-05 13.17.24

Parrot Pot sarà disponibile nel corso del 2016 ad un prezzo di 99$ (per gli USA). Vi aggiorneremo non appena sapremo qualcosa anche per il nostro paese.

  • awthil

    Aspetto la ” versione Xiaomi ” :D mi sembra davvero molto interessante