tnkgbk14dz4bghj4iy77

Parrot presenta Bebop, il suo nuovo drone compatibile con Oculus Rift

Lorenzo Fantoni

rnxdj2bpafed0hzocgsmxbuydowgrldzanabmzuatnkgbk14dz4bghj4iy77

Parrot ha presentato in questi giorni il suo nuovo drone, Bebop, un nuovo occhio nel cielo dall’autonomia di 12 minuti.

LEGGI ANCHE: Phantom 2 Vision+ un drone adatto a ogni ripresa

Progettato per funzionare sia indoor che all’aperto e dotato di protezioni rimovibili per le pale (che si fermano non appena colpiscono qualcosa), il Bebop 28 x 32 x 3.6 cm e pesa meno di un chilo.

Come spiegato dal CEO di Parrot, Henri Seydoux. Bebop è fondamentalmente una videocamera volante da 14MP e 180° gradi di campo visivo con lente fish-eye. Grazie allo stabilizzatore d’immagine a tre assi, video e foto saranno privi di tremolio derivante da folate di vento o virate improvvise, e tutto verrà immagazzinato sugli 8GB del disco a stato solido montato all’interno. Volendo potrete fare anche l’upload diretto al servizio cloud della compagnia, Sky Academy.

rnxdj2bpafed0hzocgsm

Il Bebop si controlla via Wi-Fi utilizzando l’app per Android e iOS, FreeFlight3.0, che mostra sia il segnale video del drone sia due joystick virtuali per il controllo del mezzo.

Per i più esigenti c’è anche lo Skycontroller, un dock in cui inserire il tablet dotato di joystick e potenziatore del segnale Wi-Fi che estende il raggio di autonomia del drone a 2 km.

E se come se non bastasse, lo Skycontroller include anche una porta HDMI in cui inserire Oculus Rift per farvi vedere in prima persona ciò che vede il drone, che può anche essere controllato con i movimenti della testa.

xbuydowgrldzanabmzua

Il Bebop Drone dovrebbe uscire entro fine anno ma non se ne conosce ancora il prezzo.