e-ink-office

Addio alla carta: i Post-it di Microsoft sono Bluetooth e ad energia solare (video)

Leonardo Banchi

I vecchi post-it cartacei sono destinati a scomparire: al loro posto, il team di Microsoft Research propone dei piccoli schermi e-ink, talmente sottili da poter essere attaccati allo schermo di un PC, e talmente economici quanto a consumo di batteria che non avrete mai bisogno di ricaricarli!

No, in realtà siamo ancora piuttosto lontani da questa realtà, ma i prototipi usciti dai laboratori sono oggetti davvero sorprendenti: questi piccoli “quadretti” e-ink sono infatti dotati sul retro di un pannello solare, sufficiente per ricaricare la batteria al loro interno anche con la normale luce artificiale presente in un ufficio. Parte del miracolo di autonomia, però, dipende dalla bassa risoluzione dello schermo, che difficilmente potrà mettere in pericolo i classici appunti presi a penna.

LEGGI ANCHE: Joled, il display e-ink galleggiante

I Post-it smart sembrano però davvero affascinanti, facili da usare e pieni di possibilità: i ricercatori hanno infatti realizzato un’app dimostrativa che, collegandosi tramite Bluetooth, permette di aggiornare facilmente i disegni mostrati sullo schermo. Le possibilità non finiscono però qui: l’interfaccia “pixellosa” dei post-it li rende infatti perfetti anche per il tracciamento basato sul riconoscimento di immagini, utile per l’accoppiamento dei dispositivi ma anche per un eventuale sviluppo in direzione della realtà aumentata.

Al momento non è chiaro se questi prototipi potranno mai evolversi in un prodotto che arriverà realmente sulle nostre scrivanie, ma in attesa di quel momento vi lasciamo a seguire il video nel quale sono mostrati il funzionamento e tutte le potenzialità di questi “post-it 2.0”.

Via: Liliputing
  • Psyco98

    Ma, idea venuta in mente leggendo quest’articolo, un post-it e-ink stile “lavagnetta magnetica elettrica”?
    Una penna polarizzata carica le particelle “scrivendo” sulla superficie, e qualcosa di caricato inversamente le allontana.
    Sarebbe fattibile?