Kippy, il GPS tracker per non perdere mai di vista i nostri cuccioli (foto e video)

Nicola Ligas -

Kippy è un GPS per cani, gatti e altri animali domestici, che ci permette di portare a giro i nostri amici a quattro zampe senza paura di perderli, e di poterli magari lasciare un po’ senza guinzaglio (ove consentito) avendo la certezza di sapere sempre dove si trovano. Si tratta di un accessorio da legare al collare, ed indicato per animali di almeno 5 Kg di peso, altrimenti tenerlo sempre addosso potrebbe essere un carico eccessivo (pesa poco più di 50 grammi).

LEGGI ANCHESearchGPS, lo smartwatch per surfisti

Confezione e costruzione – Nella confezione, oltre a Kippy stesso, troviamo un cavo USB – micro USB per la ricarica ed il manuale d’uso, che vi spiegherà come assicurarlo nel modo migliore al collare o alla pettorina, in base anche alle dimensioni di questi ultimi. Il dispositivo è certificato IP65 per la resistenza ad acqua e polvere, ed il fatto che sia di piccole dimensioni e molto compatto restituisce un buon senso di solidità. Il consiglio è quello di legarlo nella parte alta del collare, in modo che sia puntata verso il cielo, per una migliore ricezione del segnale GPS, anche se questo potrebbe esporlo a qualche urto in più, qualora il vostro animale amasse rotolarsi molto per terra.

Funzionalità – Il funzionamento è semplice: Kippy ottiene la posizione dai satelliti GPS e la trasmette su rete 2G grazie alla SIM integrata nel prodotto. In questo modo potremo tenere sotto controllo il nostro cane, gatto o quel che sia, da vari dispositivi: Android, iOS e PC in particolare, ma è in arrivo anche l’app per Windows Phone. Il funzionamento, indipendentemente dal mezzo utilizzato, è sostanzialmente analogo: avremo davanti una mappa (Google Maps) con la nostra posizione e quella del nostro animale. Da smartphone è possibile anche avere una sorta di bussola che punta in direzione dell’animale stesso, in modo da farcelo trovare facilmente qualora l’avessimo perso di vista, ma soprattutto è possibile impostare dei geofence, dei “recinti virtuali” che faranno scattare un allarme, sotto forma di notifica, qualora l’animale dovesse uscirne.

L’app per Android sembra quasi un porting diretto di quella di iOS, e come tale potrebbe anche essere migliorata, soprattutto perché non sempre risponde al comando indietro, ma in ogni caso svolge comunque degnamente il suo lavoro. L’interfaccia web del servizio, raggiungibile su my.kippy.eu, previa autenticazione, è altrettanto semplice e intuitiva. Il consiglio è quello di effettuare il primo fix GPS in uno spazio ampio a cielo aperto, anche senza tenere Kippy sull’animale, ma fisso in un punto; i successivi fix saranno poi più veloci, ma in ogni caso, fintanto che non arriverà il preciso segnale GPS, la posizione ci sarà comunque fornita in modo più approssimativo grazie alla rete cellulare.

La batteria da 1.150 mAh assicura una buona autonomia, stimabile in circa due settimane, ma che comunque varia anche in base all’utilizzo ed al numero di fix GPS che forzeremo.

Kippy funziona in tutta Europa, Turchia, India e Sud Africa dove c’è la rete GSM, quindi non avrete problemi nemmeno andando all’estero, anche se dovrete munirvi di connettività di rete per poterlo utilizzare.

Disponibilità e prezzo – Kippy costa 149€ e nel prezzo è incluso anche il primo anno del servizio di tracciamento; per gli anni successivi dovrete pagare 30€ ciascuno. L’acquisto è possibile direttamente sull’e-shop dedicato o sfruttando lo store locator per trovare il negozio più vicino a noi. Di seguito la nostra video recensione e diverse immagini del prodotto