luna materasso smart head

Rendete smart il vostro materasso con Luna (foto e video)

Leonardo Banchi

Fin dall’inizio dell’avvento dei dispositivi smart, con la loro ampia gamma di sensori in grado di tracciare le nostre attività, molta attenzione è stata dedicata al sonno: come a simboleggiare quanto importante sia, in una società frenetica come quella di oggi, mettere a frutto le poche ore che ci rimangono per il riposo, infatti, è possibile utilizzare smartphone ed appositi braccialetti per monitorare le nostre nottate ed implementare sveglie “intelligenti”, in grado di assicurarci un risveglio piacevole.

Da tutto questo processo, però, appare evidente come in questo processo ci sia un grande escluso: chi, infatti, potrebbe conoscere il nostro sonno meglio del nostro materasso?

LEGGI ANCHE: RestOn, l’analizzatore di sonno definitivo?

A colmare questa assenza ci hanno pensato i creatori di Luna, un coprimaterasso smart in grado di trasformare il vostro abituale materasso nel più affidabile osservatore del vostro sonno.

Luna, attualmente in cerca di fondi su IndieGoGo, non è però solamente un sensore: grazie alla sua capacità di riscaldarsi, e di comunicare con altri dispositivi, questo speciale coprimaterasso agirà per migliorare notevolmente l’efficacia dei vostri riposi, apprendendo dalle vostre abitudini e regolando vari parametri.

Lo scenario sognato dai creatori di Luna, infatti, è quello nel quale tutti i vari dispositivi smart sparsi per la casa sono in grado di dialogare fra loro. Il vostro materasso potrà così, nel momento in cui vi addormentate, assicurarsi che la porta di casa sia chiusa, regolare la temperatura dell’ambiente e le luci della stanza. Al risveglio, avvenuto in modo soft e all’ora giusta, potrete invece andare in cucina e trovare il caffè appena fatto. Un modo ben diverso per affrontare la giornata!

Luna è disponibile a partire dal prezzo di 199€ su IndieGoGo, dove ha già ampiamente superato la cifra richiesta per il finanziamento, assicurando così la sua futura produzione. A seguire trovate invece un video di presentazione e una galleria di immagini.

Via: Techcrunch