radar wi-fi raggi x

Ricercatori del MIT “spiano” attraverso i muri utilizzando reti Wi-Fi (video)

Cosimo Alfredo Pina -

Nello scenario immaginario comune la vista a raggi-X o occhiali basati su questa “tecnologia” sono capaci di far spiare attraverso muri e altri tipi di ostacoli. Quella realizzata dai ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Lab del MIT è qualcosa di non così spettacolare, ma sicuramente più concreto.

Il sistema, denominato RF-Capture, sfrutta infatti delle ben più gestibili microonde, ed in particolare le stesse utilizzate per le comuni reti Wi-Fi. Come avviene nei radar le onde vengono indirizzate verso un soggetto, anche attraverso un muro, e quelle riflesse sono poi lette da un apposito sensore.

Proprio misurando le onde respinte ed elaborandone l’intensità tramite un algoritmo il sistema è in grado di generare un’impronta radio di una persona, riuscendo a anche a distinguere tra 15 persone con un’accuratezza del 90%.

LEGGI ANCHE: La soluzione al digital divide potrebbe essere la rete Wi-Fi sul territorio

Al momento non ci sono applicazioni pratiche per questa tecnologia, ma il team di studiosi ha spiegato che RF-Capture è estremamente versatile e lo sarà ancor di più nelle future versioni che offriranno maggior precisione.

Intanto, per tranquillizzare coloro che temono loschi personaggi pronti a registrare ogni loro mossa, il MIT ha spiegato che bloccare sistemi come questo è molto semplice e di fianco al “radar” si sta creando anche uno scudo capace di bloccare le letture di RF-Capture.

Via: The Verge
  • TheAlabek

    Non mi sembra così chiaro come vogliono farlo apparire…