Risultati finanziari: Facebook inarrestabile, novità in casa Google, Samsung da record

Cosimo Alfredo Pina -

Tempo per tutti i grandi big di pubblicare i propri conti ed infatti nelle ultime ore stanno arrivando i risultati finanziari relativi agli ultimi mesi. Facebook, Samsung, LG, Huawei e Alphabet hanno infatti reso pubblico come se la sono cavata nel secondo trimestre o nella prima meta dell’anno in corso. Andiamo quindi a vedere in cifre come se la passa il mondo della tecnologia.

Facebook

Continua inarrestabile la crescita del social blu, in termini sia economici sia di utenza. Nel secondo trimestre del 2017, concluso lo scorso 30 giugno, il giro di affari derivato dalla pubblicità è cresciuto del 47% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

LEGGI ANCHE: L’inarrestabile ascesa di WhatsApp

Questo dato insieme alle altre fonti di entrate hanno contribuito a far lievitare di ben il 71% il guadagno netto, rispetto al Q2 2016, che ha raggiunto quota 3,89 miliardi di dollari ossia un guadagno per azione di 1,32$.

Il tutto è ovviamente legato anche alla crescita della piattaforma social: +17% sia per gli utenti attivi quotidianamente sia per quelli attivi mensilmente, per un totale rispettivamente di 1,32 miliardi e 2,01 miliardi di persone. Cifre notevoli che potete approfondire sul rapporto completo.

Alphabet/Google

Anche Alphabet, il gruppo che contiene anche Google, non se la passa certamente male anche a fronte della multa da quasi tre miliardi di dollari emessa dall’Unione Europea, scaturita dall’accusa di monopolio. Nonostante questo Alphabet ha totalizzato un +21% in termini di giro d’affari, il che si è riflettuto su un guadagno per azione di 5,01$, contro i 4,49$ stimato dagli analisti.

Oltre ai numeri da Mountain View arriva un importante annuncio: Sundar Pichai, CEO di Google, entra ufficialmente a far parte del consiglio di amministrazione di Alphabet, insieme ai co-fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin, John Doerr e Alan Mulally.

Huawei

Huawei si differenzia dagli altri pubblicando sì un rapporto finanziario, ma relativo ai primi sei mesi dell’anno piuttosto che agli scorsi tre mesi. Nella prima metà del 2017 i ricavi di vendita dell’azienda sono cresciuti, rispetto all’H1 2016, del 36,2% raggiungendo quota 15,58 miliardi di dollari.

Buona parte del merito è degli smartphone, cresciuti del 20,6% su base annua, le cui spedizioni sono ammontate a 73,01 milioni di unità. Huawei ha posto molta attenzione nel promuovere l’immagine del proprio brand e questo si sta riflettendo con fette di mercato sempre più ampie, un po’ in tutto il mondo.

Il colosso cinese si dice determinata a continuare lungo questa direzione e ci fa sapere che: “Huawei è pronta a ingrandire ulteriormente la sua ampia rete di vendita, raggiungendo 56.000 negozi al dettaglio in tutto il mondo entro la fine del 2017 – un aumento notevole considerando le 35.000 unità di maggio 2016.”


HUAWEI CONSUMER BUSINESS GROUP

ANNUNCIA I RISULTATI FINANZIARI DEL PRIMO SEMESTRE DEL 2017

La crescita nei mercati di fascia alta alimenta i ricavi  e la quota di mercato degli smartphone

Shenzhen, China – 27 luglio, 2017: Huawei Consumer Business Group annuncia oggi i risultati del primo semestre del 2017. Per i primi sei mesi dell’anno, i ricavi di vendita Huawei sono cresciuti del 36,2% anno su anno raggiungendo quota 105,4 miliardi di Renmimbi Cinesi (15,58 miliardi di Dollari).

Le spedizioni di smartphone sono cresciute a 73.01 milioni, una crescita anno su anno di circa il 20,6%.

Richard Yu, Chief Executive Officer di Huawei Consumer Business Group ha dichiarato: “Il nostro Consumer Business Group continua a registrare una crescita straordinaria, superando la media del settore e penetrando i mercati di fascia alta in tutto il mondo. Questa crescita è la dimostrazione della forza del marchio Huawei e dello slancio che abbiamo dato al brand grazie a dispositivi premium, in grado di orientare il mercato e di incontrare le richieste di consumatori sempre più esigenti “.

Nel primo trimestre del 2017, secondo IDC, Huawei rivendica una quota del 9,8% del mercato globale degli smartphone. Tale crescita è stata determinata da un significativo aumento delle vendite degli smartphone di fascia media e fascia alta in aree geografiche chiave.

In Cina, Huawei rivendica una quota del 22,1% del mercato e le spedizioni di smartphone sono aumentate del 24% per cento rispetto all’anno precedente. Huawei ha registrato una rapida crescita delle spedizioni degli smartphone anche in Europa, con una crescita del 18% rispetto all’anno precedente con prestazioni particolarmente solide nella Comunità Europea e nel Nord Europa. Il Consumer Business Group di Huawei registra, inoltre, importanti passi avanti anche nei mercati del Sud-Est Asiatico tra cui Thailandia, Malesia, Giappone, Corea del Sud e Russia. Una ricerca di GfK e Sino attesta, inoltre, che Honor ha superato consecutivamente sia il volume sia i ricavi di vendite di smartphone su Internet nel periodo da gennaio a maggio 2017.

Questa crescita si riflette sulla percezione di Huawei come marchio di qualità riconosciuto a livello mondiale. Nel 2017 Huawei si è classificato come 49esimo nella classifica “Top 100 Most Brilliant Brands” di BrandZ, , 88esimo nella classifica World’s Most Valuable Brands redatta da Forbes e il numero 40 della Brand Finance Global 500 Most Brilliant List.

“I device Huawei hanno avuto successo a livello globale grazie al nostro impegno costante a migliorare la qualità, la user-experience e l’innovazione”, ha continuato Yu. “I consumatori sanno che possono fidarsi della ricca gamma di dispositivi consumer di Huawei, che comprende smartphone, tablet, portatili e ora anche PC, per vivere l’esperienza di un device premium”.

Se la presenza del brand Huawei continua a crescere, così crescerà anche la sua strategia di vendita. Huawei è pronta a ingrandire ulteriormente la sua ampia rete di vendita, raggiungendo 56.000 negozi al dettaglio in tutto il mondo entro la fine del 2017 – un aumento notevole considerando le 35.000 unità di maggio 2016. Questi negozi riflettono l’immagine di fascia alta e premium che Huawei ha creato in tutto il mondo.

Nel futuro, Huawei prevede di aumentare la propria crescita dato che la società migliorerà  ulteriormente i propri dispositivi attraverso innovazioni nell’intelligenza artificiale e nel machine learning, due leve che guideranno la nuova “smart era”. Huawei Consumer Business Group si impegna a fornire device intelligenti che anticipano le esigenze degli utenti e si adattano più strutturalmente al modo in cui le persone lavorano e vivono.

Attraverso i suoi 15 centri di ricerca globali e 36 joint innovation center, Huawei sta lavorando a nuove tecnologie, tra cui sensori, gestione dei dati e avanzamenti al chipset Kirin, progettati per sviluppare questo tipo di funzionalità sul mercato. Anche le partnership hanno una forte rilevanza nel progetto di innovazione di Huawei, che collabora costantemente con aziende leader come Leica, Dolby, Microsoft, Intel e Google.

Attraverso il suo impegno costante, Huawei continuerà a soddisfare i clienti, sfidare l’industria e costruire un mondo Better Connected.

LG

Sappiamo bene che gli smartphone di LG non hanno avuto il successo auspicato, lo ammette l’azienda stessa che nonostante le difficolta in questo importante settore ha registrato risultati positivi. Infatti il guadagno netto è cresciuto del 13,6% rispetto allo Q2 2017, per un totale di 588,2 milioni di dollari.

LEGGI ANCHE: LG V30, presentazione a fine agosto

Importante contributo a questo dato è stato dato dalla divisione Home Appliance & Air Solution Company (elettrodomestici), ma anche la Vehicle Components Company, che in passato ha richiesto importanti investimenti, inizia a dare i suoi frutti grazie alla commercializzazione negli USA della Chevrolet Bolt (che integra componenti LG) e nuove collaborazioni.

Samsung

Samsung brilla nel Q2 2017, con un profitto operativo record di 10,77 miliardi di euro. A trascinare l’azienda la divisione componenti, grazie alla forte richiesta di RAM e SSD dal mercato server. Bene anche la divisione Display il cui andamento, spiega Samsung, è legato anche al successo di Galaxy S8 ed S8+.

LEGGI ANCHE: Galaxy Note 8, tutto quello che sappiamo

A proposito di mobile nel rapporto di fine trimestre Samsung parla di come i profitti da questo settore diminuiranno nel Q3. Questo per il guadagno ridotto sugli attuali top gamma, il cui prezzo al dettaglio si sta abbassando, e per le imminenti campagne di marketing “correlate al lancio di un nuovo Note” che dovrebbe arrivare entro fine agosto. Comunque Samsung, nonostante i problemi degli ultimi mesi come Note 7, sembra proprio continuare la sua scalata.

Via: CNETFonte: LG, Samsung