arachidi fhd

Scienziati al lavoro su una cura per l’allergia alle arachidi

Cosimo Alfredo Pina

Buone notizie per tutti coloro che soffrono di allergia alle arachidi: uno cura potrebbe essere stata sviluppata in Australia. I test effettuati con questa cura per l’allergia all’arachidi hanno portato l’80% dei bambini trattati a diventare tolleranti al frutto secco, anche dopo 18 mesi dopo la fine della terapia.

Questa condizione è sempre più diffusa e sebbene la maggior parte delle reazioni siano di lieve entità, il poter avere una cura risulta un mezzo davvero utile per prevenire gli esiti più gravi, come lo shock anafilattico, e tutelare i bambini allergici.

Infatti il trattamento è indirizzato principalmente ai più piccoli, più soggetti al consumo di arachidi o almeno a distrazioni che potrebbero portare all’assunzione accidentale di questo cibo. La cura in questione sfrutta un batterio probiotico associato ad alcune proteine delle arachidi stesse.

LEGGI ANCHE: Un impianto neurale flessibile potrebbe aiutare nella cura delle paralisi

Il concetto dietro alla terapia è quello di esporre gradualmente i pazienti all’allergene, in modo che possa di sviluppare una risposta protettiva, in grado di rendere tollerabile la normale assunzione delle arachidi. Il trattamento, durato 18 mesi, è stato effettuato su 56 bambini, di cui 28 un gruppo placebo di controllo.

Alla fine dello studio è stato osservato che nel gruppo trattato l’82% dei bambini ha potuto consumare arachidi senza mostrare segni di reazione, in contrasto con il 3,6% del gruppo placebo; è evidente come i risultati siano molto incoraggianti.

Tuttavia prima di poter dichiarare che una cura per l’allergia alle arachidi sia stata trovata, gli studiosi dovranno seguire i bambini nei prossimi anni per capire se e come questa riacquista tolleranza sia in grado di permanere.

Via