J1407b pianeta anelli

Scoperto un pianeta con anelli 200 volte più grandi di quelli di Saturno (foto)

Leonardo Banchi -

Chiedete a qualunque persona di pensare ad un pianeta con gli anelli, e probabilmente gli verrà in mente Saturno. Tale pianeta del sistema solare, infatti, è sempre stato preso da esempio per l’osservazione di tale caratteristica, ma il suo primato rischia di essere seriamente messo in discussione da J1407b, un pianeta extrasolare la cui corona di anelli è circa 200 volte più estesa di quella di Saturno.

LEGGI ANCHE: Il Mars Rover Opportunity festeggia l’anniversario dell’arrivo su Marte con uno spettacolare panorama

J1407b è stato scoperto dagli astronomi recentemente, quando ha provocato l’eclissi di una giovane stella chiamata J1407. Esso è il primo sistema ad anelli ad essere osservato all’esterno del sistema solare, e comprende almeno 30 anelli (contro i 16 di Saturno), ognuno dei quali ha un diametro di decine di milioni di chilometri.

La sua prima osservazione risale all’anno 2012, quando il team di ricerca dell’università di Rochester, condotto da Eric Mamajek, scoprì per la prima volta la stella e le sue isolite eclissi. Attraverso l’utilizzo di ottiche adattive e dello spettroscopio Doppler, poi, una squadra condotta da Matthew Kenworthy, dell’osservatorio Leiden, ha scoperto che il ripetuto affievolirsi della luce della stella era causata da un pianeta gigante, caratterizzato da un sistema di anelli mai osservato finora.

Basandosi sulle variazioni nelle curve di luce, è sensato supporre che gli anelli si estendano per circa 120 milioni di chilometri, e che la massa complessiva sia più o meno equivalente a quella del pianeta Terra. Essi, infatti, sono stati in grado di oscurare fino al 95% della luce emessa dalla stella J1407, grazie alla densità di materiale presente nel sistema.

All’interno della struttura ad anelli è stato però possibile osservare almeno uno stacco privo di materiale: esso è dovuto probabilmente alla formazione di un satellite, la cui massa si colloca a metà fra quella della Terra e quella di Marte, caratterizzato da un periodo di rivoluzione di circa due anni.

Come in ogni sistema ad anelli, essi andranno probabilmente assottigliandosi nei prossimi milioni di anni, dando vita alla formazione di altri satelliti. Nell’attesa, però, possiamo osservare questa riproduzione in scala che mostra il sistema di J1407b accanto a quello di Saturno, che a confronto con il suo corrispondente extrasolare appare come il minuscolo puntino chiaro posizionato in alto a destra nell’immagine.

j1407b confronto con saturno

VIA: IFLScience