iRobot+Ava+500+

Secondo iRobot il robot del futuro non dovrebbero avere forme umane

Lorenzo Fantoni

Il futuro di iRobot, produttori di Roomba non sono i droni, ma continuare a creare innovazione che sia coerente col suo passato.

Secondo il CEO di iRobot, Paolo Pirjanian, intervistato da Engadget al CES, l’azienda dovrà creare robot più alti e più intelligenti che siano in grado di capire e interagire con l’ambiente. Le chiavi di questo futuro sono il GPS indoor e la mappatura 3D, due campi su cui iRobot sta lavorando duramente.

LEGGI ANCHE: Il magnete Triby di Invoxia, rende smart ogni frigo (foto e video)

 

Pirjanian crede che i robot del futuro potranno servire gli anziani e aiutarli nei compiti base, o creare mappe così accurate di casa vostra che troveranno le vostre chiavi di casa se le perdete (questa è una sfida veramente impossibile).

Tuttavia, il CEO di iRobot pensa anche che i robot del futuro non dovrebbero avere forme umane, una filosofia che possiamo notare in prodotti come Ava 500 e RP-VITA, robot per la comunicazione video dotati di schermi e fotocamere a livello degli occhi e avanzate funzioni di mobilità, ma che non somigliano per niente a quelli che vediamo nei film.