botnet

Sgominato Gameover Zeus, un virus che ha infettato un milione di computer

Lorenzo Fantoni

L’FBI, la National Crime Agency inglese, e l’Europol si sono unite nell’Operazione Tovar per eliminare una volta per tutte la rete di computer infetti Gameover Zeus e ridurla a un ammasso di bit.

LEGGI ANCHE: Alla scoperta di Raspberry Pi (foto)

Al momento le tre agenzie, aiutate da molte aziende che operano nel campo della sicurezza informatica, hanno disabilitato con successo la botnet e il malware associato: Cryptolocker.

Le autorità avrebbero preso dunque possesso dei bot di Gameover e liberato dal suo controllo tra i 300.000 e i 500.000 del milione di computer infettati dal virus. Inoltre, sarebbero riusciti a risalire alla fonte, tanto da incriminare l’hacker russo Evgeniy Mikhailovich Bogachev con accuse che vanno dall’intromissione non autorizzata nei computer altrui alla frode, al riciclaggio di denaro e alla cospirazione.

Per chi non la conoscesse, Gameover Zeus era una sorta di rete di computer infetti che rubavano password bancarie per trasferire fondi a conti esteri. Come molti virus di questo tipo, si propagava attraverso email di spam mascherate da fatture, richieste di pagamento o messaggi simili. Insomma, il classico tipo di email che una persona che conosce Internet elimina subito, ma che può ancora fregare qualche sprovveduto.

Secondo le stime dell’FBI con questo sistema sono stati rubati oltre 100 milioni di dollari, Non è chiaro cosa succederà a Bogachev, visto che difficilmente verrà estradato negli Stati Uniti per un processo, quindi per il momento l’unica cosa che si può fare è rimuovere il virus dal sistema.