S.L.A.M.dunk Ubuntu Parrot_1

S.L.A.M.dunk: il computer volante con Ubuntu è un dev kit per droni (foto)

Cosimo Alfredo Pina -

Il prodotto più noto legato a Canonical è sicuramente Ubuntu, la popolare distro basata su Linux, ma non per questo la società si tira indietro di fronte ad altri progetti. Ce lo dimostra con Parrot S.L.A.M.dunk, un kit di sviluppo per droni realizzato in collaborazione con Parrot.

Dietro l’aspetto simpatico (nel design si vede il tocco di Parrot) cela diverse funzioni con cui esplorare le possibilità offerte dalla tecnologia dei piccoli velivoli e non solo. È mosso lato hardware da un processore NVIDIA Tegra K1, mentre lato software ci gira Ubuntu e ROS (Robot Operating System), un framework di sviluppo ottimizzata specificamente per interagire con l’elettronica dei robot.

LEGGI ANCHE: I nuovi droni “ibridi” di Parrot sembrano usciti da Star Wars

S.L.A.M.dunk è pensato principalmente per essere montato su un drone (nell’annuncio viene chiaramente mostrato un Bebop di Parrot) per iniziare subito ad esplorare tecnologie come guida autonoma e mappatura 3D. Il nucleo smart del gadget è S.L.A.M. (Simultaneous Localization and Mapping) il software di localizzazione che funziona senza GPS grazie a telecamera stereo e vari sensori, tra cui radar ad ultrasuoni, magnetometro e barometro. Il tutto in un peso di 140 grammi.

Curiosa particolarità è il fatto che nella parte posteriore c’è una porta HDMI e due USB, che permettono di usare lo S.L.A.M.dunk come un vero e proprio computer con Ubuntu 14.04. Un dispositivo unico e ovviamente dedicato a ricercatori e smanettoni, ma che in effetti apre diverse prospettive portando tecnologie di alto profilo alla portata di tutti. Peccato che per ora non ci siano notizie su prezzi  che saranno svelati fra qualche mese, visto che sarà disponibile durante l’ultimo trimestre dell’anno.




Parrot
S.L.A.M.dunk

Il “development kit” per la navigazione autonoma e l’evitamento ostacolo per droni e piattaforme robotiche

 

Parrot, azienda pioniera nell’offerta di droni civili – consumer e professionali – presenta un “development kit” aperto, per la progettazione di applicazioni avanzate per navigazione autonoma, evitamento ostacolo, navigazione interna e mappatura 3D per droni e altre piattaforme robotiche, in ambienti con molteplici barriere e in cui i segnali GPS non sono disponibili.

 

Parrot S.L.A.M.dunk: trasforma un drone in un robot intelligente

Parrot S.L.A.M.dunk integra applicazioni software avanzate basate sull’algoritmo Simultaneous Localization and Mapping: S.L.A.M.

La tecnologia S.L.A.M permette al drone di identificare e mappare in 3D l’ambiente circostante e di auto-localizzarsi in ambienti con molteplici barriere e in cui i segnali GPS non sono disponibili.

Con un processore NVIDIA® Tegra® K1 integrato, Parrot S.L.A.M.dunk consente l’implementazione dei più recenti algoritmi di visione computerizzata e di navigazione autonoma che sono ottimizzati per NVIDIA® GPU. Inoltre, Parrot S.L.A.M.dunk è ottimizzato per avere un impatto minimo sulla durata della batteria del drone.

Parrot S.L.A.M.dunk integra diversi sensori:

  • Una videocamera stereo fish-eye con risoluzione 1500x1500a60fps
  • Un’unità di misura inerziale (IMU)
  • Un sensore a ultrasuono
  • Un magnetometro
  • Un barometro


Parrot S.L.A.M.dunk: un open kit progettato per gli sviluppatori

Parrot ha sviluppato S.L.A.M.dunk per essere il più user-friendly e semplice possibile per programmatori, ricercatori, integratori e accademici.

I sensori e gli algoritmi sono totalmente integrati in modo da velocizzare la progettazione di applicazioni avanzate per droni e piattaforme robotiche.

Tutte le funzionalità Ubuntu e i vantaggi del framework ROS (Robot Operating System) vengono incorporati in Parrot S.L.A.M.dunk, rendendolo così facile da utilizzare. La porta HDMI permette di programmare direttamente sul prodotto.

 

Parrot S.L.A.M.dunk: modalità d’impiego

Parrot S.L.A.M.dunk può essere utilizzato per:

  • Realizzare prototipi di droni e soluzioni robotiche
  • Navigazione autonoma di droni e robot
  • Mappatura 3D
  • Videocamera stereo e gamma di sensori (IMU, barometro, magnetometro, ultrasuono)

 

S.L.A.M.dunk: compatibile con numerosi droni e piattaforme robotiche

Pesando meno di 140g, Parrot S.L.A.M.dunk si adatta a vari tipi di droni basati su Linux e piattaforme robotiche tra cui quadricotteri e ali fisse, robot rotanti e braccia articolate con l’aiuto di kit di montaggio.

Una volta posizionato, Parrot S.L.A.M.dunk dev’essere collegato alla batteria del drone su cui si trova, tramite un cavo jack da 3,5mm e un cavo USB, in modo tale da poter inviare e ricevere informazioni e comandi da e verso il drone.

Sviluppato da ricercatori di robotica per ricercatori di robotica, Parrot S.L.A.M.dunk è un modulo “pronto all’uso” che velocizzerà lo sviluppo delle applicazioni per droni e piattaforme robotiche.

 

Disponibilità: ultimo trimestre 2016

Fonte: Ubuntu