Intel Sofia

SoFIA, il nuovo processore Intel per smartphone low-cost

Leonardo Banchi

Come già annunciato a Dicembre dello scorso anno, Intel ha intenzione di rivaleggiare anche nel settore smartphone, in particolare grazie al progetto SoFIA, che prevede la realizzazione di processori che permettano di vendere smartphone a basso costo.

LEGGI ANCHE: Recensione Envy17 – il laptop che sostituisce il desktop, perfetto per la famiglia e il lavoro

Nonostante il predominio ormai più che affermato nell’ambito dei computer, la nota casa produttrice ha infatti avuto difficoltà, fino ad adesso, ad entrare nel mercato dei processori per dispositivi mobili, saldamente dominato da Qualcomm e Mediatek. L’idea di Intel, quindi, è di entrare partendo dalla fascia bassa del mercato, attualmente in grande espansione, e realizzando prodotti in grado di garantire affidabilità e prestazioni ad un prezzo concorrenziale.

Il progetto attualmente in lavorazione, il cui arrivo è previsto per la fine dell’anno, prevede un processore dual-core, con integrato un ricevitore 3G. Successivamente dovrebbe essere realizzata una versione quad-core con supporto alla tecnologia LTE. Le altre tecnologie wireless, come Wi-Fi e Bluetooth, saranno invece integrate in altri chip, così che i produttori possano decidere cosa includere, rimanendo all’interno del loro budget.

Per meglio descrivere l’obbiettivo di questa linea, il responsabile della progettazione Loh Tiam Wah ha dichiarato: “In questo segmento, la cosa più importante per l’utente sono le performance: non vedrete quindi una risoluzione di 4K in un display da 5 pollici”.

La realizzazione degli smartphone equipaggiati con questo tipo di sistema guarda con occhio attento soprattutto ai paesi emergenti, in cui il mercato è ampio e in rapida diffusione. Con il recente annuncio della linea Android One, serie di smartphone a basso costo presentata da Google durante l’ultima conferenza per sviluppatori, questa crescita potrebbe assumere dimensioni ancora più importanti, ed è ragionevole pensare che Intel non voglia arrivare impreparata a quel momento.

Via: C|Net