sony sd per audiofili

Sony presenta la MicroSD per audiofili

Leonardo Banchi

Sony, nonostante le difficoltà economiche che la hanno recentemente portata a scorporare la divisione audio e video dal resto dell’azienda, appare estremamente interessata a conquistare l’attenzione degli audiofili: dopo aver presentato al CES 2015 il nuovo lettore della serie Walkman, un dispositivo dal costo di ben 1.200$, la casa giapponese ha adesso mostrato una nuova scheda MicroSD, appositamente studiata per ridurre al minimo i rumori elettrici e garantire una qualità audio eccellente.

LEGGI ANCHE: CES 2015: Braven presenta Fuse, il mixer audio bluetooth

I lettori musicali digitali di oggi, per funzionare, trasferiscono infatti i dati dalle schede di memoria ad una memoria interna, chiamata “buffer”, dalla quale poi vengono letti e riprodotti. Tale processo non avviene in modo continuo, ma a brevi intervalli: per risparmiare batteria, infatti, la connessione alla scheda viene interrotta nei momenti in cui non è in uso, e riavviata successivamente. Tutto ciò genera un lieve rumore di fondo, dovuto all’utilizzo dei contatti elettrici ed avvertibile ad un ascolto attento.

La nuova MicroSD di Sony, “for Premium Sound”, promette invece di minimizzare tale interferenza attraverso l’utilizzo di materiali di altissimo livello. La scheda, una MicroSDXC di Classe 10 da 64GB, fornirà quindi elevata velocità e capienza, necessarie per gestire file di grandi dimensioni, ma costerà di più rispetto ai concorrenti della stessa fascia non improntanti all’utilizzo audio: il suo arrivo è previsto per il 5 Marzo in Giappone, al prezzo di circa 150$, dove una normale scheda Sony da 64GB costa circa 90$.

Il prodotto non è naturalmente pensato per un pubblico medio, ma per una ristretta cerchia di appassionati disposti a spendere di più per mettere a frutto tutto il loro comparto audio mobile di alto livello: in una riproduzione, infatti, la qualità massima raggiungibile è pari a quella del componente peggiore, e dubitiamo che, nella maggior parte dei casi, questo triste scettro appartenga alla scheda di memoria.

Via: AndroidHeadlines
  • Beh, prima che arrivino i troll in massa… il target è chi ha un mp3 player sony di quelli da 600 euro in su e ascolta in formato non compresso, una cuffia da almeno 250, e un paio di orecchie buone.

    • Andrea Ci

      si, ma mi chiedo comunque l’utilità.. emette meno interferenze? ok, ma di solito sono isolate… e specialmente su un lettore da 600€ mi aspetto che sia isolato anche se lo metto da parte a un jammer

      • Dr. Fragle & MrShark

        ricordo un negozio di musica, quando uscirono i primi cd scrivibili, che li vendeva a diversi prezzi, giustificandoli come normali, al cromo e metal… o di recente quelli che vendono i cavi hdmi placcati in oro… stiamo tornando a quei tempi…

        • Andrea Ci

          HDMI ha un senso il connettore placcato; e anche i cavi schermati (ovviamente non sui 10 cm; ma su un cavo di 2metri avvolto in mezzo a altri mille cavi elettrici).. che poi… basta un cavo di buona qualità (uelli da 6€ di amazon su distanze brevi non hanno mai dato nessunissimo problema)
          sui cd, non lo so.. nessun cd mi è mai durato troppo nel tempo xD
          comunque lì dipendeva tanto da “come” lo scrivevi

          • Dr. Fragle & MrShark

            l’oro non serve a NULLA, si parla di segnali digitali… sono cose già dette e ridette… togli gli spazi: http :// lifehacker . com /5506219/why-you-should-never-pay-more-than-10-for-hdmi-cables

          • Andrea Ci

            l’oro è solo un buonissimo conduttore, riduce solo i disturbi.. che poi non serva a “niente” ok..
            ma come detto sopra… anche il cavo da 6€ è placato in oro….

    • m477

      Anche con un lettore da 600, flac 192/24, cuffie monitor da 300, sfido chiunque a sentire la differenza tra questa scheda, ed una “normale”.

      • In verità non puoi saperlo.