Speaker Hurricane con Hound_5

Il primo speaker con Hound sembra più figo di Google Home ed Amazon Echo (foto e video)

Cosimo Alfredo Pina

Speaker Hurricane con Hound – Tra i grandi nomi degli assistenti vocali c’è Siri, Cortana, Google Assistant (ex Now) e Alexa di Amazon; l’assistente di SoundHound, appunto Hound, non sarà così popolare come quelli già elencati ma non per questo ha qualcosa da invidiare alle controparti dei big.

Infatti dopo aver lanciato le app mobile (negli USA), adesso Hound sbarca per la prima volta su uno speaker smart denominato Hurricane, simile nel concetto agli Echo di Amazon o a Google Home. Non è prodotto da SoundHound ma è il primo dispositivo a sfruttare Houndify, la piattaforma di sviluppo per integrare l’assistente anche su dispositivi hardware.

Il primo a portare sul mercato qualcosa con Houndify è Boombotix. Hurricane risponde al comando vocale “Ok Hound” dopo il quale l’utente può conversare con l’assistente capace di capire il contesto della conversazione grazie ai cosiddetti “Domains”, domini capaci di offrire un certo tipo di funzionalità; dal meteo alla prenotazione di hotel.

LEGGI ANCHE: Google Home avrà la battuta pronta grazie anche ad autori Pixar

Boombotix non si è comunque fatta distrarre dalle funzioni smart e spiega che l’Hurricane è un dispositivo incentrato all’ascolto della musica. Si può connettere via Wi-Fi o Bluetooth allo smartphone per riprodurla da uno dei tanti servizi online e anche con qualche funzione aggiuntiva che permette, ad esempio, di cambiare il genere musicale in base all’orario.

A garantire la qualità audio ci sono due driver full-range, e un woofer da 10 watt. Tutto davvero interessante ma ancora nel mondo del teorico visto che Boombotix Hurricane è appena arrivato su Kickstarter dove punta a 250.000$.

Se le feature di questo speaker con Hound vi hanno affascinato sappiate che sulla pagina del progetto si parte da 129$, rispetto ai 199$ del prezzo pieno; le prime spedizioni sono previste già a gennaio 2017 ma ricordate che l’assistente vocale di SoundHound funziona solo in inglese.

Via: Engadget
  • Ema

    Quel “coso” è molto più brutto di Google Home…