ponti per animali

Speciali ponti pensati per gli animali possono rendere le autostrade più sicure (video)

Leonardo Banchi -

Gli esseri umani non sono, ovviamente, gli unici abitanti di questo pianeta. Con le loro costruzioni, però, sono probabilmente coloro che ne modificano l’aspetto in modo più consistente, andando spesso ad impattare anche il modo di vivere, e la sicurezza, di molte altre specie viventi. Un esempio di questo sono le strade: quando attraversano luoghi caratterizzati dalla presenza di una florida fauna, esse diventano un pericolo per molti animali, che tentando di attraversarle mettono a repentaglio la loro vita e quella dei conducenti dei veicoli che si trovano a passare sul momento.

Negli Stati Uniti, uno dei luoghi che più concretamente corre questo rischio è il Montana: nei suoi territori vivono scoiattoli, tassi, procioni e cervi in gran numero, e per questo lo stato è stato costretto a ripensare il modo di concepire la costruzione di nuove autostrade, cercando soluzioni che potessero garantire la sopravvivenza degli animali senza rinunciare alla facilità di spostamento.

LEGGI ANCHE: Un fiume di stelle per questa pista ciclabile a energia solare (video)

Gli ingegneri hanno quindi pensato a molte alternative, sperimentando ponti e sottopassaggi, utilizzabili dagli animali per spostarsi da una parte all’altra della carreggiata senza correre il rischio di scontrarsi con le automobili di passaggio. Il progetto pare avere avuto l’effetto desiderato, diminuendo le morti degli animali. Negli anni lo stato è quindi arrivato ad avere ben 41 fra ponti e passaggi sotterranei, che adesso sono in fase di studio da parte di altri dipartimenti stradali americani, desiderosi di rendere le strade dei propri territori più sicure sia per gli animali che per gli automobilisti.

Nel video a seguire potete trovare alcuni esempi delle strutture costruite, ed ammirare il modo in cui esse sembrano fondersi in modo del tutto naturale con il passaggio circostante, raggiungendo così anche l’obiettivo di far sembrare la strada costruita dall’uomo sempre meno “estranea” all’ambiente naturale.

VIA: TheVerge