buco nero

Stephen Hawking spiega cosa si salva dalla forza dei buchi neri (video)

Cosimo Alfredo Pina

Nell’immaginario collettivo i buchi neri sono delle inquietanti regioni spaziali dal campo gravitazionale così potente da non permettere la fuga di alcun tipo di entità, nemmeno della luce.

Questa semplificazione, basata sulle nozioni nate dal lavoro di fisici del calibro di Schwarzschild ed Einstein, potrebbe essere rivoluzionata dalle recenti affermazioni di Stephen Hawking.

In occasione di un seminario tenuto al KTH Royal Institute of Technology, l’astrofisico avrebbe svelato di aver potenzialmente risolto il paradosso dell’informazione del buco nero che da anni mette in conflitto la meccanica quantistica con la relatività generale.

Secondo la meccanica quantistica le informazioni relative allo stato fisico di un oggetto che entra in un buco nero rimarrebbero intatte e legate all’oggetto stesso, mentre secondo la relatività queste andrebbero distrutte dall’enorme forza gravitazionale.

Secondo Hawking la verità sta nel mezzo: “Io suppongo che l’informazione non venga persa o conservata all’interno del buco nero, ma che si leghi all’orizzonte degli eventi“.

Questa informazione, inutilizzabile all’atto pratico poiché svincolata dalla particella, rimarrebbe quindi sul limite del buco nero e potrebbe fuggire dal vortice gravitazionale grazie alla radiazione di Hawking.

Nelle prossime saranno svelati i dettagli del lavoro di Hawking,  ma nel frattempo potete assistere alla conferenza grazie al video ufficiale che trovate a seguire.

Via: Engadget