Il pilota automatico di Tesla sbarca fuori dagli Stati Uniti

Leonardo Banchi

Il pilota automatico recentemente introdotto nelle auto Tesla rimarrà ancora per poco un’esclusiva degli Stati Uniti: lo stesso Elon Musk, CEO della compagnia automobilistica, ha infatti annunciato attraverso un tweet di aver ottenuto l’approvazione delle autorità per introdurre tale funzionalità in tutti i paesi (eccetto il Giappone, dove si è ancora in fase di revisione).

Questa novità non arriva però da sola: i lavori sul pilota automatico della Model S, infatti, stanno proseguendo a ritmi serrati, e questo porterà presto al rilascio della versione 1.01, che introdurrà un migliore sistema di apprendimento, riconoscimento delle corsie su strade poco segnate e maggiore fluidità nel controllo e in curva.

LEGGI ANCHE: Toyota punta a costruire auto a guida autonoma entro il 2020

Il percorso verso auto completamente in grado di guidarsi da sole, tuttavia, è ancora lungo: la sterzata automatica è ancora in fase beta, e i guidatori sono quindi invitati a mantenere sempre le mani sul volante durante i loro viaggi, con la sicurezza però di poter contare su sistemi automatizzati in situazioni di difficoltà o di piccoli momenti di disattenzione.