tesla open source

Tesla rende i suoi brevetti “open source”

Cosimo Alfredo Pina

Con l’intento di stimolare l’innovazione e il progressso, Tesla Motors ha dichiarato ufficialmente, tramite il blog del CEO Elon Musk, che non intenterà causa a coloro (sì, compresa la concorrenza) che utilizzeranno i loro brevetti sulle tecnologie per le auto elettriche.

LEGGI ANCHE: Ryden, la batteria per auto che si ricarica in 12 minuti

La decisione è stata principalmente presa a causa della limitata diffusione dei veicoli elettrici (soltanto l’1% del mercato). Inoltre secondo Musk, l’attuale sistema dei brevetti è inadeguato e soffocherebbe l’innovazione a favore della grandi aziende, piuttosto che aiutare gli inventori indipendenti o emergenti.

L’attenzione non sarebbe quindi da puntare sulla concorrenza tra produttori di veicoli elettrici, ma verso quella data dai veicoli convenzionali. L’idea iniziale di Tesla era quella di creare brevetti da vendere poi alle grandi case automobilistiche per la produzione di massa, ma purtroppo l’interesse non è stato quello sperato. Nel comunicato Musk scrive:

“Tesla Motors è stata fondata per accelerare l’avvento dei veicoli sostenibili. Se invece di spianare la strada alla creazione di nuovi mezzi, chiudiamo l’accesso ad ogni singola nuova scoperta, andiamo contro i nostri obiettivi.”

Nel post il CEO fa rifermento anche il panorama open source citando aziende come Twitter e Google che vanno verso un utilizzo difensivo della proprietà intellettuale. Questo non significa che vedremo a breve scomparire le grandi battaglie legali a colpi di brevetti, ma la speranza è che si vada sempre più verso un approccio orientato non solo al profitto ma anche al progresso.

 

Via