toyota mirai

Toyota Mirai: nuovi video e nuove polemiche (video)

Leonardo Banchi -

Toyota pare credere davvero molto nella Mirai, l’innovativa auto ad idrogeno con tecnologia a celle di combustione che il produttore giapponese intende presentare nel prossimo anno. Per tenere alta l’attenzione su di essa, infatti, ha rilasciato una interessante serie di video divulgativi, che non hanno mancato di generare polemiche e discussioni.

LEGGI ANCHE: Toyota Mirai: novità su prezzi e disponibilità dell’auto ad idrogeno

Nei video la casa produttrice presenta tutte le principali caratteristiche del veicolo, dando ovviamente la precedenza all’innovativo sistema di propulsione, alle sue proprietà ecologiche e allo stato dello sviluppo, ma non trascurando di parlare di dotazioni ed aspetto esteriore dell’automobile.

A generare le polemiche è stato però il video “Product Information”, nel quale Toyota si dilunga a parlare dei vantaggi ecologici della Mirai, ripercorrendo anche la storia della casa produttrice, da sempre improntata ad una ricerca ecosostenibile, con progetti come la Prius: secondo il narratore, durante il suo sviluppo, “gli ingegneri di Toyota stavano contemporaneamente lavorando ad una tecnologia del tutto nuova, in grado di andare incontro a ogni esigenza del guidatore, con una emissione di anidride carbonica ancora inferiore”.

Questa dichiarazione ha quindi scatenato le curiosità del co-fondatore di AutoblogGreen, che senza mezzi termini chiede a Toyota di mostrare i calcoli in grado di provare questa affermazione.

Il produttore giapponese, che già ci ha abituato a dichiarazioni sensazionali, non ha per ora risposto ufficialmente, ma pare che la spiegazione risieda nel fatto, semplicemente, che un risultato così importante era l’obbiettivo degli scienziati che 20 anni fa hanno iniziato la ricerca, senza però implicare un paragone diretto fra lo stato attuale delle due tecnologie.

Rimaniamo quindi in attesa di una conclusione, o della presentazione ufficiale di Mirai, che possa finalmente fare chiarezza sulle reali potenzialità della tecnologia con idrogeno a celle di combustione.

 

 

VIA: Autoblog