chip transistor fhd

Tre atomi in fila creano il transistor più piccolo del mondo

Cosimo Alfredo Pina

Le prestazioni di computer, smartphone e qualsiasi altro dispositivo si avvalga di processori e componenti elettroniche, sono fondamentalmente legate al numero di transistor presenti nei piccoli chip. Proprio per il fattore dimensionale è necessario che i singoli transistor occupino il minor spazio possibile e buona parte della ricerca nel campo dell’elettronica è indirizzata verso la realizzazione di sistemi sempre più piccoli.

Un nuovo studio pubblicato su Nature porta alla luce l’incredibile traguardo di un gruppo di studiosi che sarebbero riusciti a creare dei transistor minuscoli, spessi appena tre atomi. I materiali su cui questi componenti sono basati sono i dicalcogenuri di un metallo di transizione (TMD), una particolare classe di composti con proprietà di semiconduttori, caratteristica fondamentale per essere impiegati nel mondo dell’elettronica.

LEGGI ANCHE: Il computer quantistico è sempre più vicino

Non è la prima volta che i TMD vengono impiegati nella preparazione di transistor estremamente piccoli, ma il processo di produzione descritto dal gruppo co-diretto da Saien Xie, basato su un metodo industriale, si sarebbe dimostrato più efficiente, portando alla creazione di prototipi di chip più stabili e privi di imperfezioni.

I risultati sono piuttosto incoraggianti, ma prima che questo tipo di tecnologia possa essere impiegata nei circuiti presenti nei dispositivi di uso comune ci vorrà ancora molta ricerca, sopratutto per cercare di integrare una tecnologia così “diversa” nei comuni processi industriali.

Via: The Verge
  • Italianissimo

    Molto interessante ma non ho capito bene cosa intendete per spessore, la lunghezza di gate é 3 atomi?